TIVOLI: Intitolato a Giovanni Bosco il Tribunale di Tivoli

Il tribunale di Tivoli è il primo tra i 162 i tribunali in Italia ad essere  intitolato ad un santo: S. Giovanni Bosco. La consacrazione della biblioteca all’apostolo e mentore dei giovani fanciulli è stata celebrata lunedì 14 giugno, alla presenza del presidente della Corte d’Appello di Roma Giorgio Santacroce, il presidente della istituzione tiburtina, il magistrato Bruno Ferraro e del Procuratore di Tivoli Luigi de Ficchy. Unitamente a S.E. il vescovo Mauro Parmeggiani e Don Benedetto del Villaggio Don Bosco, erano presenti i Sindaci in cui si trovano dislocati i vari uffici di questo tribunale che attende a ben 78 dei 121 comuni della Provincia di Roma.

L’idea della consacrazione è stata del presidente del Tribunale, Bruno Ferraro e condivisa fin da subito dal presidente dell’Ordine degli avvocati di Tivoli Simone Ariano e da tutto il consiglio. “La dedicazione al Santo rappresenta un  messaggio di grande spessore spirituale, di forte impegno professionale, di una etica del servizio, che intende accomunare magistrati, personale ed avvocati oltre agli ausiliari della giustizia. L’espressione di quella sinergia  tra magistratura e avvocatura “proprietari della istituzione” a cui, fin dal suo esordio  a Tivoli – ha detto il presidente  Bruno Ferraro – ha voluto ispirarsi,  nell’esclusivo interesse dei cittadini e del popolo in nome del quale, non si dovrebbe  mai dimenticare, si amministra la giustizia”.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION