TIVOLI: Compleanno per il gruppo scout Agesci Tivoli 1

Compleanno importante per il gruppo scout Agesci Tivoli 1. Un cammino che dura da ben 25 anni e che ha visto succedersi nel corso del tempo: centinaia di ragazzi e decine di capi. Un momento storico che non vuole essere un traguardo, bensi’ una tappa di un cammino piu’ lungo che vedra’ coinvolti tanti altri giovani. Il movimento scoutistico ha da poco compiuto i suoi primi 100 anni, segno e testimonianza della longevita’ e della bonta’ del nostro movimento.
Per festeggiare la ricorrenza, domenica 11 maggio, ci sara’ un raduno di scout ed ex scout del nostro gruppo all’Arci. Il raduno sara’ una buona occasione per festeggiare, ripercorrere la nostra storia ma anche parlare di cosa e’ stato, e’ e sara’ lo scoutismo. Interverranno dei referenti regionali della nostra Associazione.

LA STORIA DEL GRUPPO SCOUT

La nostra storia comincia nel lontano 1983, anno in cui, quasi casualmente, 6 persone si incontrano e decidono di cominciare un cammino scout con la benedizione di P. Goffredo Saraceni, allora parroco nella parrocchia S. Francesco (Chiesa di S.Maria Maggiore).
I primi due anni furono difficili ed il Gruppo, preso dai mille problemi che si incontrano in tutte le nuove iniziative, rischio’ di chiudere ancor prima di nascere.
Con l’aiuto di P. Nicola, all’epoca il nostro Assistente Ecclesiastico, con la pazienza e la determinazione dei primi Capi e soprattutto con l’assistenza del Signore, si riescono a superare tutti gli ostacoli piu’ grossi e si arriva all’autunno del 1984: nascono in quell’anno il Branco “Fiore Rosso” e il Reparto “Alba Chiara”. Un anno dopo, nel 1985, lavorando sodo per acquistare le attrezzature necessarie, si parte per il primo Campo Estivo di Reparto ad Orvinio, e per le prime Vacanze di Branco a Orte.
Da quel momento arrivano le prime gioie e soddisfazioni e le belle esperienze si susseguono senza sosta. Nel 1985 nasce la Branca R/S che terra’ la sua prima Route nell’estate del 1986 nel Parco Nazionale d’Abruzzo.
Dopo quei primi anni “eroici” il Gruppo si consolida e cresce sempre di piu’ e i suoi ragazzi vivono, grazie allo scoutismo, avventure ed esperienze che difficilmente dimenticheranno.
Si va dai Campi di servizio a P. Potenza Picenza e Lourdes, a disposizione dei malati che vedono nel Signore la loro speranza, ai Campi Estivi di Gruppo in Calabria ed in Trentino, dalle Routes della Branca R/S tra gli stambecchi del Gran Paradiso e sulle Alpi del Brenta oppure a far servizio in Umbria in occasione terremoto, alla Route Nazionale delle Co.Ca. del 1997.
Oggi il nostro Gruppo e’ formato da circa 100 bambini e ragazzi e 12 Capi, che hanno tutti scelto di impegnare la loro vita nel servizio del prossimo e seguendo gli insegnamenti di B.P.
La strada non e’ stata sempre facile, qualche volta gli ostacoli sembravano davvero insuperabili, ma con l’aiuto del Signore anche i momenti piu’ difficili sono parte ormai della esperienza indimenticabile del Gruppo.
Ancora oggi, come ieri, costruire con i ragazzi occasioni concrete di educazione e’ la nostra preoccupazione ed il nostro impegno: il fare del nostro meglio con gioia seguendo il cammino della nostra Associazione, l’essere pronti all’avventura, il coraggio di servire con amore sono ormai parte inscindibile della nostra vita.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION