Roseto comunale, scelti i vincitori del “Premio Roma”

premio_roma_vincitoreSi sono conclusi i lavori al Roseto di Roma Capitale, che ha ospitato la 73esima edizione del Premio Roma, il prestigioso concorso internazionale che elegge le migliori varietà di rose inedite.

Una Giuria Internazionale, insieme a quella Permanente, ha definito la classifica delle rose vincitrici del Premio Roma 2015. Trionfatrice la Germania, che si aggiudica quattro premi. La Francia è arriva a pari merito con l’Italia. Come ogni anno assegnati anche i due premi speciali: il ‘Premio Fragranza’ vinto dall’ibridadore italiano Dallalibera e il ‘Premio della Legalità’, vinto da un’altro ibridadore italiano, Barni.

“Vogliamo premiare – ha detto l’assessore capitolino all’Ambiente, Estella Marino – l’impegno di Libera, associazioni nomi e numeri contro le mafie, per il modo in cui combatte le mafie attraverso il coraggio e la forza della società civile. Il progetto Le Rose della Legalità prevede la messa a dimora di oltre 1.000 rose presso tre vigneti confiscati alla mafia, unendo così bellezza, impegno, civile e utilità. La rosa, infatti, è considerata una pianta spia: ovvero è una pianta che manifesta prima i sintomi di eventuali attacchi di patologie, parassiti, ma anche carenze minerali. In questa occasione – ha concluso l’assessore – celebriamo e premiamo il collegamento tra questo bellissimo fiore e la lotta alla criminalità”.

About the author

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION