ROMA: Mezzi pubblici, venerdi’ sciopero di 4 ore

Venerdi’ 9 maggio sciopero nazionale di quattro ore del trasporto pubblico, indetto da Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti e Faisa Cisal. L’agitazione andra’ dalle 8,30 alle 12,30 e coinvolgera’ tutti i mezzi: bus, filobus, tram, le metro A e B, le ferrovie regionali Roma-Lido, Roma-Pantano e Roma-Civitacastellana-Viterbo.

Aderiscono infatti i lavoratori di tutte le societa’ che a Roma gestiscono il trasporto pubblico: Atac Spa, Trambus Spa, Met.Ro. Spa e Tevere Tpl S.c.a.r.l.

L’orario di sciopero 8,30-12,30 vale per autisti, conducenti, controllori e bigliettai. Impiegati, addetti agli impianti e ausiliari del traffico, invece, si asterranno dal lavoro per tre ore ad ogni fine turno.

Per ogni informazione: numero unico Atac 06-57003 (dal lunedi’ al sabato h. 8-20, festivi esclusi), www.atac.roma.it.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION