Addio a Remo Remotti, mercoledì camera ardente in Campidoglio

remo remottiDa Roma, alla fine, Remo Remotti se ne è andato veramente. Mercoledì 24, dalle 10 alle 13, nella sala del Carroccio del Campidoglio sarà aperta la camera ardente per Remo Remotti, l’artista romano scomparso ieri sera, all’età di 90 anni.

Remotti è stato poeta, attore, pittore, scrittore, scultore, cantante e drammaturgo. Nel cinema ha lavorato, tra gli altri, con Francis Ford Coppola, Marco Bellocchio, Nanni Moretti, Ettore Scola, i fratelli Taviani, Werner Masten, Peter Ustinov, Nanni Loy, Maurizio Nichetti, Carlo Mazzacurati, Antonello Salis e Carlo Verdone.

“Esprimo il mio cordoglio per la morte di Remo Remotti – ha detto l’assessore alla Cultura e al Turismo, Giovanna Marinelli – voce e anima di questa città. Figura poliedrica: attore, poeta, scultore, drammaturgo, mancherà tantissimo al suo pubblico ed in particolare ai romani. Accanto ai grandi del cinema e del teatro italiano come Moretti, Bellocchio e Renato Mambor ha sempre spiazzato e affascinato tutti con la sua ironia. A sua moglie e alla sua famiglia le mie più sentite condoglianze”.

Noi lo vogliamo ricordare con tre dei suoi brani più celebri: addio Remo.

About the author

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

JOIN THE DISCUSSION