Morto Sebastiano Mannironi, uno dei più grandi pesisti e sportivi italiani di sempre

Sebastiano MannironiLa FIPE è in lutto per la scomparsa di Sebastiano Mannironi, uno dei più grandi pesisti e sportivi italiani di sempre. Nato a Nuoro il 22 luglio 1930 è stato medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici di Roma 1960.

In carriera ha partecipato a tre Olimpiadi, Melbourne 1956, Roma 1960 e Tokyo 1964. Primatista del mondo nello strappo nel 1958 con 111 kg, oro agli Europei di Vienna nel 1961, argento a quelli di Helsinki 1956, Stoccolma 1958, Varsavia 1959, Milano 1960 e Stoccolma 1963, bronzo agli Europei a Stoccolma 1953, Vienna 1954, Monaco di Baviera 1955 e a Berlino nel 1966. Argento ai Mondiali di Teheran 1957 e Vienna 1961, bronzo nelle edizioni di Stoccolma 1958 e Varsavia 1959.

In carriera ha vinto 15 volte il titolo di campione italiano assoluto ed anche due medaglie d’oro ai Giochi del Mediterraneo nel 1955 a Barcellona e nel 1967 a Tunisi. Alle Olimpiadi di Tokyo nel 1964 arrivò al quarto posto. Finita la carriera di Atleta è stato Tecnico di grandissimo livello contribuendo a far emergere innumerevoli pesisti di valore internazionale.

Il cordoglio del Presidente Urso in nome di tutta la Federazione Italiana Pesistica, alla famiglia di Sebastiano ed in particolare ai figli Angelo e Sergio che hanno seguito le orme del Papà risultando anche loro validissimi Atleti ed attualmente tecnici del Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro e delle Nazionali Italiane di Pesistica Olimpica. I funerali si sono tenuti sabato 13 giugno, a Bracciano alle ore 16:00.

About the author

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION