MONTEROTONDO: Scalo, zona industriale, una impressionante discarica a cielo aperto

Le immagini parlano da sole e sono impressionanti: carcasse di macchine da scrivere e televisori, frigoriferi e materassi, giochi per bambini e cassapanche, cocci e carta, buste di plastica e detriti di ogni sorta. Siamo a Monterotondo Scalo, nel cuore del quartiere industriale. Basta imboccare via Ercole Ramarini da via di San Martino per andare letteralmente a sbattere contro metri e metri di strada occupata da ogni tipo di spazzatura e materiale ingombrante. Pericolosa a tal punto che la strada dove si trova questa discarica a cielo aperto, proprio in prossimità di una curva, si restringe e diventa pericolosa per gli automobilisti. Le macchine passano, gli automobilisti scuotono la testa. Qualcuno ci vede scattare le foto e vuole sapere cosa facciamo. Gli diciamo che siamo di Sitopreferito e vogliamo denunciare questa situazione. “Fate bene – ci dice un lavoratore di una fabbrica vicina – è iniziato a poco a poco, ogni giorno venivamo a lavoro e trovavamo un pezzo aggiunto al mucchio. Vengono durante la notte. Nessuno controlla e adesso è diventato un letamaio a cielo aperto. Qualcuno dovrebbe farlo notare all’Amministrazione”. E’ quello che facciamo, diciamo. “Ma tanto se non c’è il controllo, tempo una settimana e ricominciano a riportare qui la loro spazzatura”, risponde un altro automobilista.
Mancanza di controllo e inciviltà, un binomio “vincente” che trasforma un fazzoletto di strada in un perfetto esempio di degrado urbano.

 

 

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION