MONTEROTONDO: Identificati i vandali arfefici dei danni alla scuola di via Monte Pollino

I carabinieri della stazione di Monterotondo hanno individuato e segnalato al Tribunale per i Minorenni di Roma cinque alunni dell’istituto scolastico di Monte Pollino, che, dopo un’accurata indagine, sono risultati gli autori degli atti vandalici che si sono verificati all’interno della scuola una settimana fa.

Le indagini condotte dai militari hanno permesso di identificare i cinque ragazzi, tutti di età tra gli 11 e i 13 anni, che approfittando del giorno della festa patronale e della relativa chiusura della loro scuola, si erano introdotti nei plessi scolastici che ospitano le classi elementari e medie, rendendo inagibile l’intera scuola. A tradire i vandali alcune sigle lasciate sui muri con vernice spray rossa, dalle quali i carabinieri sono poi risaliti alle loro identità.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION