MENTANA: La Spes si iscrive al campionato

La ASD Spes Mentana partecipera’ regolarmente al prossimo Campionato Nazionale Dilettanti, la decisione e’ maturata giovedi’ notte, a poche ore quindi dalla scadenza delle iscrizioni (ieri alle ore 12:00 n.d.r.), dopo una lunga ed estenuante giornata di riunioni. A salvare la societa’ dal baratro della non iscrizione ci hanno pensato ancora una volta il suo storico Presidente Franco Prosperi ed i dirigenti Carlo Agate ed Altiero Lodi. Come sempre quindi Prosperi e soci si sono dovuti rimboccare le maniche e salvare questa societa’, che da anni invece porta alto il nome di Mentana, sia a livello di prima squadra che di settori giovanili nel Lazio ed in Italia. Giovedi’ la giornata e’ stata intensa, il Comune di Mentana era stato avvisato gia’ da qualche giorno dalla dirigenza della Spes della situazione a rischio riguardo la partecipazione al prossimo campionato, il Presidente Prosperi quest’anno aveva deciso di mettersi da parte, di non proseguire l’avventura da solo, ma chiedere un sostegno a tutte le forze mentanesi che avessero a cuore questa societa’. Il Sindaco Tabanella allora ha convocato giovedi’ in tarda mattinata gli imprenditori e gli istituti bancari della citta’, ultimo di una serie di incontri avvenuti quest’anno e conclusi sempre con un nulla di fatto. Per non smentirsi neanche stavolta le forze chiamate a raccolta dal Sindaco hanno lasciato la seconda parte della riunione, convocata nella serata dello stesso giorno, con tante belle promesse sulla societa’, ma nessun assegno firmato. Alla fine Prosperi, Agate e Lodi hanno capito che se si voleva salvare questa serie D sudata sul campo con tanti sacrifici, dovevano essere ancora loro ad impegnarsi e cosi’ e’ stato. A questo punto viene da porsi una serie di interrogativi: come fanno certi personaggi a vantarsi delle vittorie della Spes se non hanno fatto nulla nelle loro facolta’ per alimentarle? Come si fa a discutere ed attaccare un Presidente come Prosperi che per amore di questa societa’ continua ad impegnarsi in prima persona insieme ad altre due “mosche bianche” per il far vivere la Spes? Perche’ le Istituzioni locali non s’impongono nel coinvolgere nel progetto Spes ad esempio le quattro- cinque ditte appaltatrici delle opere pubbliche, che tanto si arricchiscono lavorando a Mentana, con gli imprenditori cui vengono date concessioni per investire e fare soldi e con tutte le altre forze che orbitano attorno al Comune e che grazie a questo crescono economicamente?

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION