MARINO:insegnamento e amore:un abbraccio lungo 275 anni

“Il peggiore di tutti mali e’ l’ignoranza”. Lo diceva una maestra dichiarata santa pochi mesi fa. E nel suo nome, quello di Rosa Venerini, e in quello delle sue “figlie”, Marino fara’ festa dal 20 al 22 aprile. Perche’ da 275 anni le Maestre Pie Venerini hanno riempito questo paese dei Castelli Romani di cultura e amore. Proprio con le reliquie di Santa Rosa Venerini (1656-1728) venerdi’ 20 si apriranno le manifestazioni: una processione le accompagnera’ dall’istituto alla Basilica di San Barnaba.
PROGRAMMA
Venerdi’ 20 Aprile ore 10,00 Via Garibaldi, 109

Corteo d’onore alle reliquie di Santa Rosa Venerini trasportate processionalmente per le vie del centro, dall’Istituto delle Maestre Pie alla Basilica di San Barnaba Apostolo, guidato dall’Abate Parroco don Aldo Anfuso

ore 16,30 Via Beata Rosa Venerini

Nuova denominazione della via, inaugurazione di un’insegna toponomastica intitolata a “Santa Rosa Venerini”, alla presenza delle autorita’ Comunali

ore 17,00 Via Garibaldi, 109

Scoprimento di un’epigrafe commemorativa sulla facciata dell’istituto, alla presenza delle autorita’ Provinciali

ore 17,30 Palazzo Colonna, Sala Consigliare del Comune

Incontro pubblico Santa Rosa Venerini e l’Istituto di Marino

ore 09,00 Museo Civico “U. Mastroianni”

Apertura ufficio postale distaccato per il rilascio dell’annullo filatelico speciale figurato

ore 9,30

Inaugurazione della mostra fotografica, ‘Le Maestre Pie Venerini a Marino. La scuola di una comunita’

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION