GUIDONIA: Stupro, confermate le condanne dei 4 rumeni a 16 anni

Confermate in Corte d’Appello a Roma le condanne a 16 anni ciascuno inflitte a 4 romeni per lo stupro avvenuto il 22 gennaio dello scorso anno a Guidonia. La sentenza è stata pronunciata dalla Corte presieduta da Franco Testa che ha accolto le richieste fatte dal procuratore generale Salvatore Cantaro. I condannati sono Mirel Huma, Marcel Cristinel Coada e i fratelli Lucian e Ciprian Trinca.

La sentenza pronunciata oggi conferma quella che in primo grado, con rito abbreviato era stata pronunciata l’8 gennaio scorso dal gup di Tivoli Elvira Tamburelli. Oggi la Corte ha confermato quelle decisioni che riguardavano la violenza subita da una coppia di fidanzati, lei di 21 anni e lui di 24 da parte dei 4 imputati. Ricordiamo che i quattro uomini, dopo aver sorpreso una coppia di fidanzati, lei di 21 anni e lui di 24, in una strada appartata picchiarono l’uomo, che fu rinchiuso nel portabagagli dell’automobile, e violentarono la ragazza.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION