GUIDONIA: Michele Pagano (Udc): “Problemi anche per raggiungere l’interno della stazione Tiburtina”

“E’ evidente il disagio giornaliero delle migliaia di pendolari che quotidianamente utilizzano la tratta ferroviaria Roma-Avezzano – dichiara Michele Pagano, presidente del Coordinamento provinciale dell’Udc -. All’insufficienza del servizio e alla vetustà delle carrozze, che abbiamo più volte rappresentato, si aggiungono i problemi determinati dal marciapiede, di dimensioni insufficienti, realizzato nei binari 1 e 2 Est presenti nella stazione Tiburtina. Anche il percorso per accedere all’interno della stazione non consente un “normale” deflusso dei viaggiatori che, a ridosso delle scale, sono costretti, addirittura, a fare la fila per scendere. E’ una situazione esasperante e motivo di più perplessità, rispetto alla quale sollecitiamo Trenitalia a trovare adeguate soluzioni”.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. La sua vocazione è raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION