L’umorismo nei video aziendali: su quali aspetti puntare

L’umorismo nei video aziendali: su quali aspetti puntare

Il video marketing cresce costantemente, macina dati in costante ascesa e si rivela sempre più uno strumento virtuoso di branding e digital pr. Sono tantissime le imprese che hanno scelto di investire in video aziendali così come quelle che si sono ripromesse di puntarci da qui ai prossimi mesi.

Puntare sul video marketing significa strutturare una strategia articolata e organica, capace di allineare ogni valutazione verso un obiettivo specifico e verosimile. Certamente, il fulcro del piano operativo verte sulla narrazione scelta per far emergere l’identità del brand e dei suoi prodotti e, sempre più spesso, si cerca di fare affidamento sulla leva dell’umorismo. Ridere e divertire è davvero complicato e cadere nella banalità è un rischio quanto mai concreto: ecco allora qualche consiglio per realizzare video ricchi di humor e creatività.

Parlare della quotidianità

La gente è più portata a percepire l’umorismo se incanalato in situazioni in cui possa riconoscersi. Raffigurare con ironia, senso del ridicolo o iperboli scene dell’ordinario che chiunque vive e può comprendere permette di conquistare l’attenzione e la partecipazione attiva del pubblico, che oltre a visualizzare il video sarà spinto anche a interagire con commenti e condivisioni.

Cambiare prospettiva

Un altro approccio narrativo classico è quello che gioca sul sovvertimento dei ruoli precostituiti, raccontando una situazione tipica secondo un punto di vista diverso o invertendo in modo parossistico i ruoli canonici. Per dare un’idea, potete provare a immaginare una passeggiata di un uomo con il suo cane ma raccontata secondo la prospettiva del cucciolo, i suoi pensieri e il suo modo di interpretare il contesto urbano.

L’assurdo e il nonsense

Il filone narrativo del nonsense ha una tradizione gloriosa alle spalle e una serie di mediocri tentativi di emulazione. In effetti, giocare con l’ambiguità del surreale è cosa da pochi e fini pensatori. Non si tratta di produrre dialoghi senza senso bensì esattamente l’opposto: riuscire a trasmettere un messaggio concreto attraverso scene che ne sono apparentemente sprovviste.

L’effetto sorpresa

Il più classico degli approcci umoristici si serve della sorpresa come momento culminante di una narrazione che si conclude in crescendo. Il finale che cambia il senso dell’intero racconto è il sistema tipico utilizzato nelle barzellette ed è perfetto per creare aspettative attorno al proprio storytelling e persuadendo gli spettatori a visualizzare il contenuto fino alla sua conclusione. L’importante, però, è che l’umorismo non sia fine a se stesso: alla fine, tutto deve tornare e l’aspetto di brand e pubblicità deve emergere in modo naturale e coerente, senza forzature.

Potrebbe interessarti anche...

  • La "banda" della Orange Records Rome presenta "Effetti collaterali". L'intervista
  • Eva Grimaldi e Imma Battaglia presto spose. Alla guida c'è Enzo Miccio
  • Mariella Nava: una riflessione sull'ultimo Sanremo. "Imparate ragazzi, imparate!"
  • Presentazione di "Ali spezzate" antologia nata per sensibilizzare sul tema della violenza sulle donne
  • Il mito della Banshee: dai racconti dei Druidi ai manga scopriamo le caratteristiche di questo spirito ancestrale femminile
  • Canapa Mundi 2019: grande chiusura per la prima fiera d’Italia del settore. Un business in crescita
  • Roma Whisky Festival: ottava edizione con masterclass, degustazioni e seminari. Intervista al "whisky consultant" Pino Perrone
  • Palazzo Farnese di Caprarola: il mistero degli affreschi dell’Anticamera degli angeli
  • Perrotta, Tonetto, Cassetti: compleanno nel pallone al Room26 per Gianluca Caruso
  • Le attrici Miriam Galanti e Katia Greco al Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche di Nino Graziano Luca
  • Scoop intervista Cupido!
  • Gli Elfi tra di noi: nascita, usi e costumi del popolo "luminoso"
  • Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche nella magica cornice della Pinacoteca del Tesoriere
  • Canapa Mundi, Fiera Internazionale della Canapa. A Roma 10.000 mq di sostenibilità, benessere e nuove frontiere
  • Matteo Cappella presenta "Metropolia", suo primo disco ufficiale. L'intervista
  • Un “Tè Danzante" con Jane Austen: un'esperienza "fuori dal tempo"
  • "Senza Rossetto": all'AAMOD il film di ricerca sull'immaginario femminile alla vigilia del voto del '46
  • Omaggio a Giorgio Gaber: una targa verrà affissa sul condominio di via Londonio, dove il cantautore nacque
  • In onda in prima serata su RAI1 la docufiction “Figli del destino”
  • Masterclass per attori con June Jasmine Davis. Formazione gratuita con Artisti 7607

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION