Mostra “Arturo Dazzi 1881 – 1966 Roma – Carrara – Forte dei Marmi” a cura di Anna Vittoria Laghi

Mostra “Arturo Dazzi 1881 – 1966 Roma – Carrara – Forte dei Marmi” a cura di Anna Vittoria Laghi

Dopo il successo di critica e di pubblico ottenuto a Roma presso Villa Torlonia, dove la mostra è stata fregiata dalla Medaglia d’Oro del Presidente della Repubblica, e al Centro Arti Plastiche di Carrara, le opere di Arturo Dazzi, dal 20 maggio al 18 giugno saranno esposte presso Villa Bertelli a Forte dei Marmi, città di adozione di Arturo Dazzi e terza e ultima tappa del lungo viaggio di ritorno alle origini del maestro della scultura italiana. Dalla Roma che lo consacrò come tra i più grandi scultori monumentali del suo tempo, passando per Carrara dove è nato e dove ha insegnato come docente di Scultura presso la Prestigiosa Accademia di Belle arti, fino al luogo eletto per vivere e per lavorare Forte dei Marmi.

All’inaugurazione parteciperà anche il Senatore Andrea Marcucci, Presidente della commissione Cultura del Senato della Repubblica, per fare il punto sull’enorme operazione culturale condotta sul maestro di Carrara. Un progetto condiviso e supportato da un numero davvero impressionante di grandi enti pubblici. Non il punto di arrivo ma il punto di partenza per continuare a far parlare di Dazzi ma soprattutto la base per proporre un modello di collaborazione tra enti che ha prodotto risultati davvero importanti e che ha visto capofila la Fondazione Villa Bertelli e il Comune di Forte dei Marmi. All’inaugurazione parteciperà anche il Sindaco di Forte dei Marmi, Dott. Umberto Buratti e l’Assessore alla Cultura del Comune di Carrara la Dott.ssa Giovanna Bernardini.

La mostra “Arturo Dazzi 1881 – 1966, Roma – Carrara – Forte dei Marmi”, curata da Anna Vittoria Laghi, racconta l’artista attraverso i legami privilegiati che il Maestro instaurò e coltivò nell’arco della sua vita con tre città italiane: Carrara, città natale e della formazione, Roma cui l’artista deve popolarità e successo e Forte dei Marmi, il buen retiro dove lo stesso lavorò ad alcune tra le sue più importanti opere monumentali e dove, infine, coltivò la pittura (“La Versilia che mi fece diventare pittore”, aveva scritto Dazzi nell’autopresentazione della Quadriennale Romana del 1935).

Tra le opere esposte – direttamente dalla Donazione Dazzi di Forte dei Marmi, a cui le stesse sono state donate nel 1987 dalla vedova Dazzi – sono numerosi i pezzi non esposti da decenni che saranno visibili durante la mostra, alla quale tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.
Tra i lavori più noti ci limitiamo a citare l’Adolescente, scultura esposta alla mostra sull’arte italiana a Berna del 1938, il Cavallino, celebre scultura che Dazzi espose nella Biennale di Venezia del 1928 e Curzio Malaparte, oltre a un’antologia di dipinti di grande suggestione, che documentano i diversi soggetti con i quali Dazzi si confrontò: il ritratto, il paesaggio, la natura morta e gli animali. A ciò si uniscono i lavori preparatori per la Stele Marconi.

L’esposizione, come sottolinea la curatrice, ripercorre le tappe della vita dell’artista attraverso opere e documenti che escono per la prima volta dalle loro sedi. Disposti e organizzati secondo un percorso cronologico, le sculture, i modelli e i bozzetti in gesso, le lettere, gli articoli, i dipinti e i disegni disvelano con uno sguardo inedito il ‘dietro le quinte’ dell’universo di Dazzi.

Villa Bertelli – Via Mazzini 200, Forte dei Marmi (LU) ¬- 20 maggio 2017 – 18 giugno 2017. Ingresso gratuito. Inaugurazione: sabato 20 maggio 2017 – ore 18.00

Inserito da: Barbara Andreoli

Potrebbe interessarti anche...

  • 30 giorni da Leone, ricordando Sergio. Proiezioni, incontri, eventi
  • "Me contro Te, La Vendetta del Signor S": trailer e poster. Anteprima Domenica 12 Gennaio in cui Luì e Sofi incontreranno i piccoli fans
  • Rocco Papaleo incontra gli studenti nell'ambito del progetto "L'Altra Roma - Primavalle, sguardi da una periferia della modernità"
  • Al via le riprese di "Un cielo stellato sopra il ghetto di Roma" diretto da Giulio Base
  • Rassegna cinematografica "Avanguardie Migranti" alla Biblioteca Vaccheria Nardi di Roma
  • Nasce Plastik0, per una vita più “green”
  • Le Coliche al Lamezia International Film Fest, "Ci piacerebbe realizzare un nostro film"
  • “Uno Chef in fattoria”, dal 18 novembre su Food Network
  • Il regista Eitan Pitigliani presenta "Insane love" a Napoli, tra i 7 finalisti di CortiSonanti
  • Intervista (con sfida al lettore) a Laura Costantini, autrice della collana "Diario Vittoriano"
  • Halloween da brivido su Italia 1 con "IT- Capitolo uno" e “Shining – Extended edition”
  • Pietro Coccia, il fotografo del cinema italiano, ricordato alla Festa del Cinema di Roma dalla Street Artist Laika
  • "Matrimonio a prima vista Italia - 6 mesi dopo": da domani in anteprima su DPLAY PLUS
  • Festival Box, primo Festival Musicale Nazionale dedicato all'underground
'; var riint = setInterval(function() {jQuery(window).trigger("resize");},100); setTimeout(function() {clearInterval(riint);},2500); }; }, beforeShow : function () { this.title = jQuery(this.element).attr('lgtitle'); if (this.title) { this.title=""; this.title = '
'+this.title+'
'; } }, afterShow : function() { }, openEffect : 'fade', closeEffect : 'fade', nextEffect : 'fade', prevEffect : 'fade', openSpeed : 'normal', closeSpeed : 'normal', nextSpeed : 'normal', prevSpeed : 'normal', helpers : { media : {}, title : { type:"" } } }); } catch (e) {} });

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION