MONTEROTONDO: Collegamento diretto Salaria-casello: martedì l’apertura

Il collegamento diretto tra la strada statale Salaria e l’autostrada A1 è finalmente realtà. Martedì 20 settembre (ore 12.00), alla presenza del ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli, dei vertici Anas, delle autorità regionali e locali tra cui il sindaco Alessandri, sarà infatti inaugurato e aperto al traffico veicolare l’ulteriore tratto stradale della nuova Bretella “Salaria Sud” compreso tra la rotatoria del centro di Protezione civile e quella realizzata sulla statale a Monterotondo Scalo.
«Da martedì – afferma soddisfatto il sindaco Alessandri – Monterotondo sarà collegato direttamente al casello autostradale di Castelnuovo senza dover percorrere la traversa del Grillo e la Tiberina, con tutti i benefici che questo comporterà sul piano della viabilità territoriale e per l’area produttiva della nostra città».
Composta da quattro corsie da 3,25 metri l’una, due per senso di marcia, divise da uno spartitraffico centrale di due metri e mezzo e quattro banchine pavimentate su entrambi i lati di ciascuna carreggiata, la piattaforma stradale che sarà inaugurata martedì è larga complessivamente diciotto metri e mezzo per una lunghezza di circa tre chilometri, che vanno ad aggiungersi al chilometro del tratto già in esercizio.
L’attenzione, ora, si sposta nei confronti degli altri obiettivi attesi: il prolungamento della Bretella fino a Fonte di Papa e il raddoppio del ponte ferroviario di Vallericca. «Interventi fondamentali – afferma dal canto suo l’assessore alla viabilità eretino Vincenzo Donnarumma – che consentirebbero di decongestionare completamente lo Scalo dal traffico pesante, ottimizzando la funzione della Bretella e migliorando enormemente la viabilità e la vivibilità del quartiere-porta della città».
« Da parte delle amministrazioni regionale e provinciale giungono, in questo senso, segnali confortanti – aggiunge e conclude il sindaco – ad esempio l’attenzione esplicitata dall’assessore regionale allo Sviluppo sostenibile Mattei nel corso del convegno sulla nuova viabilità dello Scalo da noi organizzato a luglio o la disponibilità espressa dall’assessore provinciale Vincenzi per quel che riguarda il raddoppio del ponte su via di Vallericca, strada di pertinenza provinciale. Intanto salutiamo con piacere l’inaugurazione di martedì, dando il benvenuto al ministro e ringraziando l’Anas e gli Assessorati alle Infrastrutture della Regione Lazio: quello precedente di Bruno Astorre, per aver progettato e cantierato l’opera, e quello attuale, guidato da Luca Malcotti, per aver contribuito con grande impegno a concluderla nei tempi previsti».

Il collegamento diretto tra la strada statale Salaria e l’autostrada A1 è finalmente realtà. Martedì 20 settembre (ore 12.00), alla presenza del ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli, dei vertici Anas, delle autorità regionali e locali tra cui il sindaco Alessandri, sarà infatti inaugurato e aperto al traffico veicolare l’ulteriore tratto stradale della nuova Bretella “Salaria Sud” compreso tra la rotatoria del centro di Protezione civile e quella realizzata sulla statale a Monterotondo Scalo.

«Da martedì – afferma soddisfatto il sindaco Alessandri – Monterotondo sarà collegato direttamente al casello autostradale di Castelnuovo senza dover percorrere la traversa del Grillo e la Tiberina, con tutti i benefici che questo comporterà sul piano della viabilità territoriale e per l’area produttiva della nostra città».

Composta da quattro corsie da 3,25 metri l’una, due per senso di marcia, divise da uno spartitraffico centrale di due metri e mezzo e quattro banchine pavimentate su entrambi i lati di ciascuna carreggiata, la piattaforma stradale che sarà inaugurata martedì è larga complessivamente diciotto metri e mezzo per una lunghezza di circa tre chilometri, che vanno ad aggiungersi al chilometro del tratto già in esercizio.

L’attenzione, ora, si sposta nei confronti degli altri obiettivi attesi: il prolungamento della Bretella fino a Fonte di Papa e il raddoppio del ponte ferroviario di Vallericca. «Interventi fondamentali – afferma dal canto suo l’assessore alla viabilità eretino Vincenzo Donnarumma – che consentirebbero di decongestionare completamente lo Scalo dal traffico pesante, ottimizzando la funzione della Bretella e migliorando enormemente la viabilità e la vivibilità del quartiere-porta della città».

«Da parte delle amministrazioni regionale e provinciale giungono, in questo senso, segnali confortanti – aggiunge e conclude il sindaco – ad esempio l’attenzione esplicitata dall’assessore regionale allo Sviluppo sostenibile Mattei nel corso del convegno sulla nuova viabilità dello Scalo da noi organizzato a luglio o la disponibilità espressa dall’assessore provinciale Vincenzi per quel che riguarda il raddoppio del ponte su via di Vallericca, strada di pertinenza provinciale. Intanto salutiamo con piacere l’inaugurazione di martedì, dando il benvenuto al ministro e ringraziando l’Anas e gli Assessorati alle Infrastrutture della Regione Lazio: quello precedente di Bruno Astorre, per aver progettato e cantierato l’opera, e quello attuale, guidato da Luca Malcotti, per aver contribuito con grande impegno a concluderla nei tempi previsti».

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. Cinema, libri e fumetti sono il suo ambito; la sua vocazione raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION