GUIDONIA: Nascondeva il corpo esanime della madre da giorni, denunciato un 60enne

Ha trascorso cinque giorni con la madre morta dentro casa, finchè i vicini insospettiti non vedendo da troppi giorni i due inquilini e cominciando ad avvertire un cattivo odore provenire dal loro appartamento hanno deciso di chiamare il 112. E così, nella tarda serata di ieri, la macabra scoperta dei Carabinieri della Tenenza di Guidonia: il cadavere di una donna di 87 anni, avvolto in una coperta, la cui morte, avvenuta quasi cinque giorni prima, è stata tenuta nascosta dal figlio di 60 anni agli altri fratelli.

Da anni l’uomo accudiva quotidianamente la madre, affetta da demenza senile, e soltanto per qualche mese aveva fatto ricorso all’aiuto di una badante, licenziata quasi subito all’insaputa dei fratelli, perché ritenuta una spesa eccessiva da mantenere con la sola pensione della donna, unica fonte di sostentamento.

Quando il 60enne si è accorto del decesso della madre, ha deciso di non avvisare nessuno di quanto accaduto, per timore di essere accusato dai suoi fratelli di non aver accudito adeguatamente la donna e forse di rimanere senza casa e senza soldi.
L’uomo, con precedenti per truffa, è stato denunciato per l’occultamento del cadavere della madre.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. Cinema, libri e fumetti sono il suo ambito; la sua vocazione raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION