GUIDONIA: Accoltella a morte la compagna e poi tenta il suicidio

Ha ucciso la compagna di 28 anni accoltellandola e ha poi tentato di suicidarsi. È accaduto intorno alle 12 in un appartamento al piano terra di uno stabile via Antares 7 a Guidonia. Sul posto carabinieri, vigili del fuoco e Ares 118. A quanto si apprende, l’uomo, un romeno di 46 anni, è stato arrestato e si trova piantonato all’ospedale Sandro Pertini. Non è in pericolo di vita.

L’omicidio è avvenuto nell’abitazione dove la donna lavorava come colf. Dopo aver accoltellato la compagna alla gola ed a un fianco, l’uomo si è abbandonato a gesti autolesionistici, tagliandosi sulle braccia. Immediato l’arrivo dei soccorritori, che però non hanno potuto far altro che constatare il decesso della giovane. Secondo le prime ipotesi avanzate dai carabinieri, la lite sarebbe stata causata dal rifiuto dell’uomo di accettare la separazione dopo una relazione durata sette anni.

About the author

Giornalista, sceneggiatore, raccontastorie, papà imperfetto. Direttore di Sitopreferito.it e fondatore de laragazzapreferita.it e di romastorie.it. Cinema, libri e fumetti sono il suo ambito; la sua vocazione raccontare storie improbabili di ingenui e sognatori. Ha un sacco di amici immaginari...

Related

A WeGIL, sempre in occasione dei 45 anni dalla nascita dell'originale format che conquistò il pubblico radiofonico, tornano le "Interviste Impossibili" a cura dello scrittore Lorenzo Pavolini, che il 7 maggio alle 19.00 vedranno un appuntamento "al femminile" con la scrittrice Elena Stancanelli, candidata al Premio Strega nel 2016 e vincitrice del Premio Vittoriano Esposito, insieme all'attrice Elena Radonicich, per conoscere da vicino e dare voce all'intramontabile Jane Eyre.

Oggi martedì 24 Aprile alle 18.30 a Piazza Trilussa, flash-mob "teniamoci per mano contro l'omofobia", "per una Roma più sicura contro la violenza e a favore dei nostri diritti. Lottiamo per la nostra libertà, dedica solo mezz’ora del tuo tempo!”. Un messaggio su whatsapp lanciato da Imma Battaglia ai suoi contatti e presto divulgato nelle chat private. Un invito ad esser presenti per un flash-mob spontaneo in cui tenersi per mano contro l’omofobia, dopo l'ennesimo vile atto omofobo che ha visto l’aggressione ai danni di Marco e Federico.

JOIN THE DISCUSSION