• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!


Home / Blog / Cultura e Spettacolo / Santamaria e Marco Giallini insieme sul set del film “Rimetti a noi i nostri debiti”

Santamaria e Marco Giallini insieme sul set del film “Rimetti a noi i nostri debiti”

Santamaria e Marco Giallini insieme sul set del film “Rimetti a noi i nostri debiti”

Sono iniziate a fine novembre scorso le riprese del nuovo film di Antonio Morabito, “Rimetti a noi i nostri debiti“, che vede Claudio Santamaria e Marco Giallini insieme davanti alla macchina da presa, entrambi protagonisti.

Il film, interpretato anche da Jerzy Stuhr, Flonja Kodheli, Agnieszka Zulewska, Leonardo Nigro, Maddalena Crippa, Giorgio Gobbi, Peppino Mazzotta ed Evita Ciri, è diretto da Antonio Morabito (“Il venditore di medicine”), prodotto da Amedeo Pagani per La Luna srl, con Marco Belardi per Lotus Production, una società di Leone Film Group, e con Rai Cinema; produttore associato Paolo Genovese, in una coproduzione con Peacock Film (Svizzera), Ska-Ndal Production (Albania), Agresywna Banda (Polonia).

“Rimetti a noi i nostri debiti” è la storia di Guido (Claudio Santamaria), che vive tirando avanti come può: un lavoro saltuario da magazziniere, qualche bicchiere al bar con Rina (Flonja Kodheli), la nuova barista, e un vecchio professore (Jerzy Stuhr) vicino di casa con cui parlare ogni tanto. E molti debiti sulle spalle. Quando perde il lavoro e subisce un’aggressione commissionata dai suoi creditori, capisce che l’unico modo per risollevarsi è paradossalmente lavorare per loro, divenendo lui stesso un esattore; lavorerà gratis fino a quando il debito sarà estinto. Franco (Marco Giallini) è un esperto e affermato recuperatore di crediti. Un demonio sul lavoro, un angelo tra le mura della sua bella casa, con la sua famiglia. Un equilibrio trovato grazie a fugaci confessioni in chiesa e corse mattutine nei vialetti del cimitero. È Franco che dovrà occuparsi della formazione di Guido. Una coppia singolare, la loro: Franco, estroso e accattivante, una maschera inscalfibile per Guido; Guido, riservato e solitario, un libro aperto per Franco. Due ruoli destinati a una mutua contaminazione. In poco tempo Guido entrerà così in contatto con persone che hanno soldi ma non vogliono pagare e con altre invece offese e umiliate, che hanno già perso tutto. A quel punto Guido non potrà non dare ascolto alla sua coscienza, costringendo Franco a svelare la propria natura.

Le riprese in corso si svolgono a Roma e dintorni per 6 settimane complessive e dureranno fino a fine gennaio 2017.

Potrebbe interessarti anche...

  • Carpineto Romano. XXVIII Busker Festival, l’arte di strada nei vicoli storici della Città d’Arte
  • Rieti Cuore Piccante, arriva la kermesse più hot dell’estate
  • Ariccia. IX Fantastiche Visioni, Estate Teatrale Ariccina
  • Roma Fringe Festival 2017. La grande Festa del Teatro Indipendente arriva alla VI edizione e incontra il Cinema
  • Daniela Poggi miglior attrice per "L'esodo" al Santa Marinella Film Festival
  • Per Teatri D’Arrembaggio al Teatro del Lido di Ostia Il Social Comedy Club con Il Soldato Fanfarato diretto da Daniele Fabbri
  • Monterotondo. Contributi a inquilini morosi incolpevoli
  • FerragOstia con l’Estate Romana nel Borgo di Ostia Antica, da mattina a notte fonda, due giorni di eventi gratuiti tra performance, spettacoli e arte
  • Monterotondo. Cambiano le deleghe in Giunta. Alessandri: "Rafforziamo la squadra di governo in vista dei prossimi e ultimi obiettivi"
  • Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale di Anagni XXIV Edizione, grandi nomi ed un omaggio a Dario Fo
  • Mentana. L’Amministrazione Benedetti corregge gli errori delle risultanze dei bilanci passati
  • Le Mura Music Bar @ViteCulture Festival. Ultima settimana per la nuova scena indipendente all’Ex Dogana di Roma
  • Tim Roth al Magna Graecia Film Festival: da Tarantino a Morricone la carriera di un grande attore
  • Scappare dal caldo e rifugiarsi ad Ascrea… per la sagra delle fettuccine ai funghi porcini
  • Ariccia. Labirinto d’Amore - Orlando Furioso: il sogno nel giardino/scrigno di Palazzo Chigi
  • La storia di Monteleone Sabino in tavola con la Sagra delle fettuccine alla trebulana
  • Antrodoco celebra gli “stracci”, il piatto tipico più noto e prelibato
  • Per Teatri D'Arrembaggio, al Teatro del Lido, la stagione prosegue con Mauro Fratini ed altri grandi nomi
  • Suggerimenti per la creazione di un sito web di qualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *