Home / Blog / Territorio / Guidonia. Verso una migliore integrazione. L’Udc incontra l’ambasciatore romeno

Guidonia. Verso una migliore integrazione. L’Udc incontra l’ambasciatore romeno

incontroambasciatorerumenoNel corso della giornata di ieri, Fabiano Valelli e Ana Maria Marinovici si sono incontrati con l’ambasciatore romeno in Italia, Dana Manuela Costantinescu, presso la sede dell’Accademia romena a Roma. “Nel corso dell’incontro sono state affrontate le problematiche connesse a una migliore integrazione della comunità romena nel nostro territorio – dichiara Fabiano Valelli, capolista della lista Udc -. Chiunque voglia inserirsi nella nostra realtà è il benvenuto, sapendo di potere contare su quella cultura dell’accoglienza che è il carattere distintivo del Paese. Chi, invece, percorre le strade dell’illegalità, incorre, giustamente, nei rigori previsti dalla legge. Ma la comunità romena, come ben sappiamo, è per la stragrande maggioranza costituita da persone per bene, che chiedono soltanto di essere messe in condizione di migliorare le proprie condizioni di vita”. Per Ana Maria Marinovici, candidata in Consiglio comunale nella lista dell’Udc, “i contenuti dell’incontro sono stati all’altezza delle attese. L’ambasciatore è stato sempre disponibile e ha sostenuto, con assiduità, la partecipazione dei romeni alla vita politica dell’Italia proprio per una loro migliore integrazione sul territorio. Integrazione che può avvenire soltanto attraverso il coinvolgimento dell’immigrato non solo a livello lavorativo ma, anche, culturale, sociale e politico. E interesse di tutti creare collegamenti tra enti ed istituzioni. L’ambasciata romena ha dato non solo speranza ma, pure, la prova che è vicina ai romeni e che intende aiutarli quando si presenta la necessità. Gli eventi dell’ambasciata sono aperti a tutti coloro che possono fare qualcosa per dare la giusta visibilità alla Romania e, nel futuro, seguiranno altre iniziative per individuare percorsi congiunti che consentano alla comunità romena una sempre migliore integrazione e una partecipazione attiva al progresso sociale ed economico delle realtà nelle quali sono residenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *