Home / Blog / Territorio / TIVOLI: Campo Ripoli, l’assessore Cerroni: “Il bando per la gestione è sinonimo di trasparenza e legalità”

TIVOLI: Campo Ripoli, l’assessore Cerroni: “Il bando per la gestione è sinonimo di trasparenza e legalità”

“Nei giorni scorsi sono stati affissi dei manifesti anonimi ed abusivi che riportavano notizie false sul bando di gestione di campo Ripoli. E’ ora di fare chiarezza una volta per tutte perché non si possono più tollerare i continui tentativi di diffamare l’operato dell’amministrazione comunale e di diffondere informazioni non veritiere ai cittadini”. Lo ha dichiarato l’assessore allo Sport del Comune di Tivoli Laura Cerroni.

“La gestione di Campo Ripoli deve essere assegnata tramite un bando pubblico che è sinonimo di garanzia, trasparenze e legalità. C’è una commissione composta da membri (economo, tecnico amministrativo) con un alto profilo a livello di professionalità che si occupano degli aspetti fondamentali ai fini dell’aggiudicazione. Sarà la commissione a valutare e giudicare i partecipanti al bando in base alle norme di legge che regolano la materia ed in base a quanto prevede il bando stesso circa i criteri di aggiudicazione.

Sono davvero dispiaciuta per le notizie diffuse tramite manifesti anonimi ed abusivi, notizie false, tendenziose e pretestuose che parlano di aumenti spropositati delle tariffe provocati dal nuovo bando. Ci tengo a precisare, ed è tutto scritto nero su bianco, che nessun articolo del disciplinare di gara, del regolamento e del bando prevede l’aumento delle tariffe per tutti coloro che andranno ad utilizzare la struttura di Campo Ripoli. Ricordo infatti che il bando prevede che l’offerta economica vada ad incidere per trenta punti sui cento totali. Il punteggio restante infatti sarà assegnato in base a criteri quali l’iscrizione a federazioni affiliate al Coni; la consistenza associativa e l’attività svolta nella stagione 2010/2011; gli investimenti finalizzati ad ulteriori servizi ed attività; gli investimenti per migliorie ed adeguamenti degli impianti o manutenzioni straordinarie. Questo sta a dimostrazione che viene data priorità ad elementi che non sono relativi all’offerta economica in quanto tale”.

“Contro le illazioni espresse dai manifesti anonimi diffamanti – ha aggiunto l’assessore Cerroni – esprimo la totale condanna, evidentemente c’è chi preferirebbe affidare il servizio di gestione dell’impianto sportivo Ripoli senza procedere con un bando di gara ma questo sarebbe contrario ai principi di trasparenza e partecipazione che devono essere regole basilari per chi gestisce la cosa pubblica. Contro le ignobili accuse lanciate tramite i manifesti anonimi e abusivi l’amministrazione si tutelerà nelle sedi opportune, non si può accettare che si parli di aggiudicazioni pilotate per l’appalto del Palazzetto dello sport o ancora di aumenti di quote di iscrizioni, tutte cose assolutamente false.
Inoltre – ha concluso l’assessore Cerroni – ci tengo a precisare che relativamente al bando di gara per Campo Ripoli nulla è in contrasto con la permuta stipulata nel 1938 tra il Comune di Tivoli e la signora Ricci in Bulgarini, anche perché allora il contrasto sarebbe dovuto sorgere anche in passato in occasione delle altre assegnazioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *