• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / Territorio / Roma / Ritorno alla normalità per trasporti, uffici, commercio. Scuole, domani la riapertura

Ritorno alla normalità per trasporti, uffici, commercio. Scuole, domani la riapertura

Terminata la fase di emergenza, si torna alla normalità. Ha ripreso a funzionare nella sua totalità la rete del trasporto pubblico; i taxi sono tornati ai normali turni dalle 21 di ieri sera; riaccesi i varchi agli ingressi delle zone a traffico limitato del centro e di Trastevere e riaperti, in accordo con la Prefettura, gli uffici. La riapertura delle scuole è prevista per domani: oggi sono rimaste ancora chiuse, come stabilito dall’ordinanza firmata dal sindaco Gianni Alemanno, sentiti i presidenti dei Municipi e in accordo con il presidente della Provincia.

Un giorno necessario per rendere sicura la frequentazione degli edifici scolastici: ieri il Sindaco ha chiesto a presidi e dirigenti di segnalare la presenza di ghiaccio agli accessi e nei cortili degli istituti, “così da garantire l’incolumità dei bambini e dei loro genitori”. E oggi l’assessore all’Educazione Gianluigi De Palo ha informato sui lavori in corso per liberare le aree esterne e interne delle scuole “da ghiaccio e rami caduti”, precisando che l’Assessorato è “in costante contatto con i Municipi” per verificare che tutto sia “perfettamente a posto in vista della riapertura”; e che già stamane, dopo 36 ore di interventi in tutta Roma, la maggior parte delle scuole era di nuovo “perfettamente agibile”. De Palo riferisce di “circa mille scuole controllate, con oltre 250 interventi per rampe o accessi ghiacciati, rami caduti o pericolanti, parcheggi inagibili, infiltrazioni d’umidità, perdite d’acqua e altri problemi”.

Situazione normale anche nel commercio: regolari i rifornimenti di frutta e verdura al Centro Agroalimentare e nei mercati rionali, fa sapere l’assessore alle Attività Produttive Davide Bordoni. Problemi si potranno verificare la prossima settimana: gli ortaggi “potrebbero scarseggiare a causa delle continue gelate che rovinano il raccolto delle verdure coltivate in pieno campo”. Quanto agli operatori, i disagi – prosegue Bordoni – derivano dal calo di acquirenti “dovuto soprattutto alla paura di muoversi”. E comunque il CAR “non evidenzia significativi aumenti di prezzo”. Così pure nei mercati rionali: nessun blocco di attività, prezzi stabili (tranne che in qualche caso in centro, dove alcuni mercati hanno aperto a regime ridotto) e un occhio attento da parte del Campidoglio, che ha incaricato la Polizia locale di Roma Capitale di controllare e segnalare eventuali rincari ingiustificati.

Intanto è terminato ieri alle 12 l’obbligo di circolare con catene a bordo o pneumatici da neve.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *