• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!


Home / Blog / Territorio / MENTANA: Il Consiglio chiede un ufficio postale a Casali

MENTANA: Il Consiglio chiede un ufficio postale a Casali

mentana veduta del castello

Un nuovo ufficio postale nella frazione di Casali. Lo chiede il Consiglio comunale di Mentana che oggi ha approvato all’unanimità (assenti le opposizioni) un ordine del giorno presentato dal Pd e illustrato in aula dal capogruppo Fabio Fravili.
La richiesta nasce pensando principalmente alle esigenze degli anziani della frazione e in seguito a molte lamentele dei residenti, costretti a sopportare lunghe code nell’unica sede di Poste Italiane nella città garibaldina, in via Moscatelli.
Nei mesi scorsi oltre duemila cittadini avevano sottoscritto una petizione per chiedere l’apertura dei nuovi sportelli nella frazione di Casali: Mentana ormai conta più di ventiduemila abitanti, per questo motivo si sente sempre più forte l’esigenza di implementare i servizi.
L’ordine del giorno è stato condiviso da Udc e della Lista civica Democratici per Mentana e votato all’unanimità.
Il Consiglio comunale ha approvato, sempre all’unanimità, anche il nuovo piano di dimensionamento scolastico per la costituzione del secondo istituto comprensivo che consentirà una migliore gestione dei servizi educativi. Voto favorevole pure per lo schema di convenzione per la gestione unificata delle funzioni di Polizia tra i Comuni di Mentana e Sant’Angelo Romano. L’assessore al Bilancio, Roberto Baccani, ha puntualizzato che per la prima volta Mentana è Comune capofila nella gestione di un servizio in convenzione con un altro Municipio, auspicando che altre amministrazioni possano essere coinvolte, pure per altri tipi di servizi (come la raccolta differenziata). L’accordo con Sant’Angelo Romano, illustrato in aula dal comandante della municipale garibaldina Giampiero Galiè, consentirà di ottimizzare l’impiego del personale e garantire alla cittadinanza servizi sempre migliori. Approvate all’unanimità le modifiche al Regolamento del Consiglio comunale, mentre per lo Statuto sarà necessario un altro passaggio in aula (deve essere votato da due terzi del Consiglio).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *