TIVOLI: “Divergenze”, in mostra le opere di David Pompili, artista presente alla 54° Biennale di Venezia

La forza del mondo, l’inarrestabile velocità del progresso che travolgono i singoli, le figure deboli e statiche nel continuo gioco dei confronti, questi i temi portanti della mostra di David Pompili dal titolo “Divergenze”, dal 15 al 30 ottobre presso le Scuderie Estensi a Tivoli.
L’artista, in mostra al Padiglione Italia della 54a Biennale di Venezia, enfatizza in modo totalmente originale il rapporto tra figure deboli e l’evoluzione incessante della società, l’industrializzazione che avanzano nonostante il pianto di un bambino o la staticità di un anziano. Contrasti, divergenze in una realtà che parte dall’uomo, dalla sua infanzia, e che va oltre ogni singola esistenza. L’energia apparentemente eterna e indistruttibile delle multinazionali, che sopravvivono all’essere umano e che fanno tacere il suo grido. L’attenzione dell’artista umbro è sempre rivolta a ciò che lo circonda e proprio questo è il punto che lo riconduce alla street art, lo spunto è la strada e ciò che vi accade, i suoi soggetti sono persone vere, arrabbiate, gioiose, in attesa di qualcosa.
Il mondo in Pompili è a tinte forti, con il rosso che emerge in modo predominante, il tutto incorniciato da colature più o meno insistenti, che rappresentano il tratto distintivo di questo artista. L’impatto è forte ma non violento, l’incontro con le superfici lascia senza fiato, dando al visitatore la possibilità di entrare a far parte della mostra stessa.
Straordinaria è la cornice, città d’arte per eccellenza, Tivoli ospiterà la mostra presso le Scuderie Estensi, luogo ampio e suggestivo nel cuore del paese. Il vernissage è fissato per le ore 17 del 15 ottobre 2011. La manifestazione è organizzata con il patrocinio del Comune di Tivoli.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>