• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / Territorio / MONTEROTONDO: Taglio del nastro per la nuova scuola materna

MONTEROTONDO: Taglio del nastro per la nuova scuola materna

Sarà inaugurata lunedì 12 settembre (ore 8.30) dal sindaco Mauro Alessandri e dalla dirigente Caterina Manco la nuova sede della scuola materna dell’Istituto comprensivo “eSpazia”, realizzata presso il complesso residenziale parco Belvedere (piazza Comitato di Liberazione Nazionale).
La nuova struttura, in grado di ospitare oltre cento bambini, consentirà di abbandonare la sede impropria in via della Costituzione utilizzata fino alla fine dello scorso anno scolastico. I lavori di adeguamento, eseguiti su indicazione dell’Amministrazione comunale (locataria della struttura) secondo avanzati criteri di edilizia scolastica, hanno consentito la realizzazione di cinque aule per la didattica, una sala refettorio, una sala insegnanti e servizi per complessivi 450 metri quadri a cui si aggiungono un’ampia terrazza (212 metri quadri) per le attività all’aperto e un parcheggio ad uso esclusivo realizzato nel piano interrato (altri 200 metri quadri), collegato internamente agli spazi scolastici.
«Nonostante questo difficilissimo momento – afferma il sindaco Alessandri – in cui gli enti locali non sono certo messi nelle condizioni di poter cogliere risultati in termini di innovazione e ampliamento delle strutture, la nostra Amministrazione riesce a dare risposte doppiamente significative come la realizzazione del nuovo polo di scuola materna dell’eSpazia, dimostrando un’apprezzabile capacità d’investimento in un settore considerato strategico come la scuola. La nuova struttura rappresenta un altro tassello verso il definitivo superamento delle sedi scolastiche improprie, obiettivo che contiamo di raggiungere il più presto possibile nonostante le oggettive difficoltà che limitano il nostro raggio d’azione. Nel consegnare alla professoressa Manco, ai docenti dell’eSpazia e alle famiglie dei bambini nella Materna la loro nuova scuola,  ringrazio gli Assessorati al patrimonio e alle politiche educative  e naturalmente gli uffici per l’ottimo lavoro svolto».

Sarà inaugurata lunedì 12 settembre (ore 8.30) dal sindaco Mauro Alessandri e dalla dirigente Caterina Manco la nuova sede della scuola materna dell’Istituto comprensivo “eSpazia”, realizzata presso il complesso residenziale parco Belvedere (piazza Comitato di Liberazione Nazionale). La nuova struttura, in grado di ospitare oltre cento bambini, consentirà di abbandonare la sede impropria in via della Costituzione utilizzata fino alla fine dello scorso anno scolastico. I lavori di adeguamento, eseguiti su indicazione dell’Amministrazione comunale (locataria della struttura) secondo avanzati criteri di edilizia scolastica, hanno consentito la realizzazione di cinque aule per la didattica, una sala refettorio, una sala insegnanti e servizi per complessivi 450 metri quadri a cui si aggiungono un’ampia terrazza (212 metri quadri) per le attività all’aperto e un parcheggio ad uso esclusivo realizzato nel piano interrato (altri 200 metri quadri), collegato internamente agli spazi scolastici.

«Nonostante questo difficilissimo momento – afferma il sindaco Alessandri – in cui gli enti locali non sono certo messi nelle condizioni di poter cogliere risultati in termini di innovazione e ampliamento delle strutture, la nostra Amministrazione riesce a dare risposte doppiamente significative come la realizzazione del nuovo polo di scuola materna dell’eSpazia, dimostrando un’apprezzabile capacità d’investimento in un settore considerato strategico come la scuola. La nuova struttura rappresenta un altro tassello verso il definitivo superamento delle sedi scolastiche improprie, obiettivo che contiamo di raggiungere il più presto possibile nonostante le oggettive difficoltà che limitano il nostro raggio d’azione. Nel consegnare alla professoressa Manco, ai docenti dell’eSpazia e alle famiglie dei bambini nella Materna la loro nuova scuola,  ringrazio gli Assessorati al patrimonio e alle politiche educative  e naturalmente gli uffici per l’ottimo lavoro svolto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *