• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / Territorio / MONTEROTONDO: Primavera ’86 compie 25 anni, domenica di festa all’aria aperta

MONTEROTONDO: Primavera ’86 compie 25 anni, domenica di festa all’aria aperta

Domenica 19 giugno 2011 l’associazione di volontariato “Primavera ’86” compirà 25 anni. Per festeggiare, i volontari offriranno giochi, esposizioni, musica, video e buffet presso il Bosco del Convento dei Frati Cappuccini, in Viale Fausto Cecconi a Monterotondo. La festa si aprirà la mattina, dalle 9.00 alle 12.30, per poi proseguire dalle 16.00 fino a notte inoltrata.
Il programma comprende, tra gli altri, l’esibizione dell’Accademia di Musica “Nomos”, il
quadrangolare di calcio e giochi per bambini organizzati dagli Scout; il tutto accompagnato da spazi espositivi, stand gastronomici e musica fino a notte fonda.
Per il programma completo consultare la locandina o il sito www.volontariato.lazio.it/primavera86.
Primavera ’86 festeggia così 25 anni di attività e ripercorre le tappe della sua storia. Una storia che ha inizio il 21 marzo 1986, primo giorno di primavera e anche di un grande progetto in favore dei ragazzi disabili. Per la prima volta, abbracciando i problemi delle famiglie dei ragazzi con difficoltà cognitive o disabilità fisiche, l’organizzazione Primavera ’86 ha introdotto programmi d’integrazione scolastica, assistenza domiciliare, laboratori di ceramica e corsi di formazione professionale.
Oggi, grazie a un finanziamento regionale, Primavera ’86 gestisce la Casa famiglia per persone adulte con disabilità, una grande famiglia che vive a Monterotondo, in Via Gramsci 122. Qui otto ragazzi e ragazze sperimentano la convivenza all’interno di un percorso educativo individuale finalizzato all’individuazione, mantenimento e sviluppo delle autonomie e competenze personali, oltre che all’integrazione e all’inclusione sociale. Inoltre sono stati attivati diversi laboratori, tra cui quelli di alfabetizzazione, informatica, ginnastica dolce e arti espressive, e creati importanti
rapporti con associazioni di volontariato della stessa zona, in un continuo processo di integrazione che permette ai ragazzi della casa famiglia di interagire attivamente nel tessuto sociale.

Domenica 19 giugno 2011 l’associazione di volontariato “Primavera ’86” compirà 25 anni. Per festeggiare, i volontari offriranno giochi, esposizioni, musica, video e buffet presso il Bosco del Convento dei Frati Cappuccini, in Viale Fausto Cecconi a Monterotondo. La festa si aprirà la mattina, dalle 9.00 alle 12.30, per poi proseguire dalle 16.00 fino a notte inoltrata. Il programma comprende, tra gli altri, l’esibizione dell’Accademia di Musica “Nomos”, il quadrangolare di calcio e giochi per bambini organizzati dagli Scout; il tutto accompagnato da spazi espositivi, stand gastronomici e musica fino a notte fonda.

Per il programma completo consultare la locandina o il sito www.volontariato.lazio.it/primavera86.

Primavera ’86 festeggia così 25 anni di attività e ripercorre le tappe della sua storia. Una storia che ha inizio il 21 marzo 1986, primo giorno di primavera e anche di un grande progetto in favore dei ragazzi disabili. Per la prima volta, abbracciando i problemi delle famiglie dei ragazzi con difficoltà cognitive o disabilità fisiche, l’organizzazione Primavera ’86 ha introdotto programmi d’integrazione scolastica, assistenza domiciliare, laboratori di ceramica e corsi di formazione professionale.

Oggi, grazie a un finanziamento regionale, Primavera ’86 gestisce la Casa famiglia per persone adulte con disabilità, una grande famiglia che vive a Monterotondo, in Via Gramsci 122. Qui otto ragazzi e ragazze sperimentano la convivenza all’interno di un percorso educativo individuale finalizzato all’individuazione, mantenimento e sviluppo delle autonomie e competenze personali, oltre che all’integrazione e all’inclusione sociale. Inoltre sono stati attivati diversi laboratori, tra cui quelli di alfabetizzazione, informatica, ginnastica dolce e arti espressive, e creati importanti rapporti con associazioni di volontariato della stessa zona, in un continuo processo di integrazione che permette ai ragazzi della casa famiglia di interagire attivamente nel tessuto sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *