• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / Territorio / FIANO ROMANO: Il Sindaco contrario al trasferimento dei campi nomadi al CARA

FIANO ROMANO: Il Sindaco contrario al trasferimento dei campi nomadi al CARA

Il Sindaco del Comune di Fiano Romano, Tarquinio Splendori, venuto a conoscenza dell’intenzione espressa dal Sindaco del Comune di Roma di trasferire i campi nomadi al Centro CARA di Castelnuovo di Porto, dichiara la sua piena contrarietà, espressa anche dal Consiglio Comunale con deliberazione n° 2 del 25.01.2010.
In primo luogo il Sindaco Alemanno non può pensare di risolvere tale annosa problematica scaricando la soluzione della delicata questione in oggetto sui comuni della provincia. Si è infatti consapevoli della enorme difficoltà che si incontrerebbe nel gestire tale fenomeno, poiché sul territorio non sono presenti forze di polizia sufficienti a garantire l’ordine pubblico. Molto più di buon senso appare la soluzione proposta dal Presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, la quale prevede che al centro CARA vengano alloggiati temporaneamente i richiedenti asilo politico provenienti dalla Libia.

Il Sindaco del Comune di Fiano Romano, Tarquinio Splendori, venuto a conoscenza dell’intenzione espressa dal Sindaco del Comune di Roma di trasferire i campi nomadi al Centro CARA di Castelnuovo di Porto, dichiara la sua piena contrarietà, espressa anche dal Consiglio Comunale con deliberazione n° 2 del 25.01.2010. In primo luogo il Sindaco Alemanno non può pensare di risolvere tale annosa problematica scaricando la soluzione della delicata questione in oggetto sui comuni della provincia. Si è infatti consapevoli della enorme difficoltà che si incontrerebbe nel gestire tale fenomeno, poiché sul territorio non sono presenti forze di polizia sufficienti a garantire l’ordine pubblico. Molto più di buon senso appare la soluzione proposta dal Presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, la quale prevede che al centro CARA vengano alloggiati temporaneamente i richiedenti asilo politico provenienti dalla Libia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *