• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!


Home / Blog / TIVOLI: Cosa è accaduto a Stacchini?

TIVOLI: Cosa è accaduto a Stacchini?

Da palazzo San Bernardino serve chiarezza. Dal sindaco vogliamo sapere cosa sia accaduto nel campo di Stacchini. Ci sono troppi interrogativi che attendono una risposta. Quale è stato il ruolo dell’amministrazione comunale nella vicenda? Perché i servizi sociali non sono intervenuti? Era davvero necessario proporre soluzioni che avrebbero separato i nuclei familiari? Quale sarà ora il destino di quell’area e che interventi di bonifica ambientale sono  previsti? Quale e’ stata la destinazione di chi ha accettato l’assistenza? Chiediamo che il Sindaco relazioni in Consiglio Comunale sull’accaduto, assumendosi la responsabilità dello scarso coordinamento tra forza pubblica e servizi sociali. Riteniamo inoltre che l’assessore alle Politiche Sociali Mondani farebbe bene a considerare l’idea di rimettere le deleghe vista la sua totale assenza nella realizzazione degli interventi, visto che venerdì, durante l’azione della forza pubblica, c’era solo il Segretario Generale a rappresentare il comune. Quel giorno c’eravamo anche noi ma prima di poter entrare, insieme al consigliere Andrea Ferro, abbiamo dovuto attendere a lungo fuori, prima di poter accedere e vedere con i nostri occhi.
Ribadiamo che serva davvero un “cambio di passo” in consiglio comunale per reagire alla “svogliatezza” e alla mancata compattezza della maggioranza che ha preferito rimandare a data da destinarsi l’ordine del giorno da noi presentato per discutere del caso “Stacchini” prima che avvenisse il fatto. Chiediamo a questo punto ancora con più forza la necessità che questo ordine del giorno venga discusso celermente in aula consiliare.
Riccardo Reali, segretario cittadino.
Federico Colia, consigliere comunale.

Da palazzo San Bernardino serve chiarezza. Dal sindaco vogliamo sapere cosa sia accaduto nel campo di Stacchini. Ci sono troppi interrogativi che attendono una risposta. Quale è stato il ruolo dell’amministrazione comunale nella vicenda? Perché i servizi sociali non sono intervenuti? Era davvero necessario proporre soluzioni che avrebbero separato i nuclei familiari? Quale sarà ora il destino di quell’area e che interventi di bonifica ambientale sono  previsti? Quale e’ stata la destinazione di chi ha accettato l’assistenza? Chiediamo che il Sindaco relazioni in Consiglio Comunale sull’accaduto, assumendosi la responsabilità dello scarso coordinamento tra forza pubblica e servizi sociali. Riteniamo inoltre che l’assessore alle Politiche Sociali Mondani farebbe bene a considerare l’idea di rimettere le deleghe vista la sua totale assenza nella realizzazione degli interventi, visto che venerdì, durante l’azione della forza pubblica, c’era solo il Segretario Generale a rappresentare il comune. Quel giorno c’eravamo anche noi ma prima di poter entrare, insieme al consigliere Andrea Ferro, abbiamo dovuto attendere a lungo fuori, prima di poter accedere e vedere con i nostri occhi.

Ribadiamo che serva davvero un “cambio di passo” in consiglio comunale per reagire alla “svogliatezza” e alla mancata compattezza della maggioranza che ha preferito rimandare a data da destinarsi l’ordine del giorno da noi presentato per discutere del caso “Stacchini” prima che avvenisse il fatto. Chiediamo a questo punto ancora con più forza la necessità che questo ordine del giorno venga discusso celermente in aula consiliare.

Riccardo Reali, segretario cittadino.

Federico Colia, consigliere comunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *