• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / Territorio / TIVOLI: Ex lavoratori precari A.S.A. senza stipendio in presidio sotto il Comune

TIVOLI: Ex lavoratori precari A.S.A. senza stipendio in presidio sotto il Comune

Gli ex lavoratori precari dell’ASA Tivoli s.p.a., azienda privata interamente posseduta dal Comune che si occupa tra l’altro della raccolta dei rifiuti, si sono riuniti in assemblea permanente per chiedere al Consilio Comunale del 15 febbraio 2011 di giungere ad una soluzione per la loro riassunzione dopo mesi di attesa senza stipendio. Esiste gia un protocollo di massima tra l’ASA s.p.a. e il Sindaco che prevede la riassunzione a tempo indeterminato e che quindi potrebbe risolvere il problema occupazionale a 31 famiglie di Tivoli.
Non sussiste il problema dei costi perché l’ASA ha esternalizzato ad una ditta esterna il servizio effettuato dagli ex lavoratori non confermati, investendo cosi i soldi previsti per la riassunzione.
Qualora il 15 febbraio il Consilio Comunale, avendo all’ordine del giorno il problema, non si esprima per una soluzione definitiva i lavoratori saranno costretti a mettere in atto forme di lotta piu’ incisive. Il coordinamento invita tutti i lavoratori ASA e chi è interessato al presidio del 15 febbraio sotto il Comune.
Il Coordinamento Ex Lavoratori ASA

Gli ex lavoratori precari dell’ASA Tivoli s.p.a., azienda privata interamente posseduta dal Comune che si occupa tra l’altro della raccolta dei rifiuti, si sono riuniti in assemblea permanente per chiedere al Consilio Comunale del 15 febbraio 2011 di giungere ad una soluzione per la loro riassunzione dopo mesi di attesa senza stipendio. Esiste gia un protocollo di massima tra l’ASA s.p.a. e il Sindaco che prevede la riassunzione a tempo indeterminato e che quindi potrebbe risolvere il problema occupazionale a 31 famiglie di Tivoli.

Non sussiste il problema dei costi perché l’ASA ha esternalizzato ad una ditta esterna il servizio effettuato dagli ex lavoratori non confermati, investendo cosi i soldi previsti per la riassunzione.

Qualora il 15 febbraio il Consilio Comunale, avendo all’ordine del giorno il problema, non si esprima per una soluzione definitiva i lavoratori saranno costretti a mettere in atto forme di lotta piu’ incisive. Il coordinamento invita tutti i lavoratori ASA e chi è interessato al presidio del 15 febbraio sotto il Comune.

Il Coordinamento Ex Lavoratori ASA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *