• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / Territorio / TIVOLI: Arrestati 2 ladri di carburante

TIVOLI: Arrestati 2 ladri di carburante

Nel corso della notte i Carabinieri della Stazione di Tivoli, durante uno dei quotidiani servizi di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione dei reati contro il patrimonio, hanno arrestato un 36enne e un 25enne romeni, con l’accusa di furto aggravato. I due sono stati sorpresi mentre stavano asportando attrezzi da lavoro da un deposito di auto per un valore di circa mille euro.
La perquisizione personale dei fermati ha permesso di rinvenire, in tasca al più giovane, le chiavi di un furgone, trovato nelle immediate vicinanze e risultato anch’esso provento di furto. A bordo del mezzo c’erano tre contenitori da mille litri e una trentina di contenitori di dimensioni più ridotte, alcuni dei quali pieni di gasolio, nonché attrezzi da scasso e un tubo in plastica con modifiche artigianali con evidenti tracce di carburante. Sono state moltissime nell’ultimo periodo le denunce per furto di gasolio presentate ai carabinieri.

Nel corso della notte i Carabinieri della Stazione di Tivoli, durante uno dei quotidiani servizi di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione dei reati contro il patrimonio, hanno arrestato un 36enne e un 25enne romeni, con l’accusa di furto aggravato. I due sono stati sorpresi mentre stavano asportando attrezzi da lavoro da un deposito di auto per un valore di circa mille euro. La perquisizione personale dei fermati ha permesso di rinvenire, in tasca al più giovane, le chiavi di un furgone, trovato nelle immediate vicinanze e risultato anch’esso provento di furto. A bordo del mezzo c’erano tre contenitori da mille litri e una trentina di contenitori di dimensioni più ridotte, alcuni dei quali pieni di gasolio, nonché attrezzi da scasso e un tubo in plastica con modifiche artigianali con evidenti tracce di carburante. Sono state moltissime nell’ultimo periodo le denunce per furto di gasolio presentate ai carabinieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *