• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / TIVOLI: “Irregolare il concorso per vigili urbani”

TIVOLI: “Irregolare il concorso per vigili urbani”

Il concorso per l’assunzione di cinque agenti di polizia locale è da rifare. Lo sostiene il Gruppo Consiliare del Partito Democratico al Comune di Tivoli, che ha presentato una interpellanza sulla vicenda. “La procedura seguita dall’Amministrazione non è conforme al regolamento comunale sui concorsi pubblici – ha spiegato il capogruppo del Pd a Palazzo San Bernardino Francesco Luciani – quindi la prova è da annullare e deve essere avviata una nuova procedura con una informazione più trasparente ed efficace”.
Da febbraio 2010, cioè il termine per la presentazione delle domande, infatti, sono passati nove mesi senza alcun tipo di comunicazione ai candidati da parte del Comune di Tivoli. Poi dopo ben 270 giorni, l’11 novembre scorso, è stato pubblicato soltanto sul sito internet del Comune l’avviso relativo alla prima prova, appena una settimana prima della prova stessa. Il risultato è che su 1088 candidati ammessi soltanto una piccola parte ha partecipato e 826 sono risultati assenti. “Questi numeri dimostrano chiaramente che la grande maggioranza dei candidati non ha conosciuto in tempo utile la data della prova – continua Luciani -. Tra l’altro va evidenziato che per l’altro concorso, quello relativo a 1 posto di categoria D, il presidente della commissione si è reso conto che i tempi di avviso non erano conformi al regolamento e ha fatto
avvertire per telefono tutti i 91 candidati ammessi, poi presenti alla selezione. Sconcertanti le parole dell’assessore Fidanza, che in una seduta della Commissione consiliare al personale ha dichiarato che gli 826 candidati assenti non si sarebbero presentati perché nel frattempo hanno trovato lavoro. Sul futuro delle persone non si scherza. E noi chiediamo al Sindaco di intervenire immediatamente per riparare a questa palese ingiustizia”.
Tivoli, 21 dicembre 2010

Il concorso per l’assunzione di cinque agenti di polizia locale è da rifare. Lo sostiene il Gruppo Consiliare del Partito Democratico al Comune di Tivoli, che ha presentato una interpellanza sulla vicenda. “La procedura seguita dall’Amministrazione non è conforme al regolamento comunale sui concorsi pubblici – ha spiegato il capogruppo del Pd a Palazzo San Bernardino Francesco Luciani – quindi la prova è da annullare e deve essere avviata una nuova procedura con una informazione più trasparente ed efficace”.

Da febbraio 2010, cioè il termine per la presentazione delle domande, infatti, sono passati nove mesi senza alcun tipo di comunicazione ai candidati da parte del Comune di Tivoli. Poi dopo ben 270 giorni, l’11 novembre scorso, è stato pubblicato soltanto sul sito internet del Comune l’avviso relativo alla prima prova, appena una settimana prima della prova stessa. Il risultato è che su 1088 candidati ammessi soltanto una piccola parte ha partecipato e 826 sono risultati assenti. “Questi numeri dimostrano chiaramente che la grande maggioranza dei candidati non ha conosciuto in tempo utile la data della prova – continua Luciani -. Tra l’altro va evidenziato che per l’altro concorso, quello relativo a 1 posto di categoria D, il presidente della commissione si è reso conto che i tempi di avviso non erano conformi al regolamento e ha fatto avvertire per telefono tutti i 91 candidati ammessi, poi presenti alla selezione. Sconcertanti le parole dell’assessore Fidanza, che in una seduta della Commissione consiliare al personale ha dichiarato che gli 826 candidati assenti non si sarebbero presentati perché nel frattempo hanno trovato lavoro. Sul futuro delle persone non si scherza. E noi chiediamo al Sindaco di intervenire immediatamente per riparare a questa palese ingiustizia”.

Tivoli, 21 dicembre 2010

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *