• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!


Home / Blog / Territorio / FIANO ROMANO: Si finge correntista della banca e preleva 5.000 euro in tre giorni: arrestato un truffatore

FIANO ROMANO: Si finge correntista della banca e preleva 5.000 euro in tre giorni: arrestato un truffatore

I Carabinieri della Stazione di Fiano Romano hanno denunciato a piede libero un cittadino italiano, 29enne, nullafacente, per truffa e sostituzione di persona. Singolare lo stratagemma messo in atto dal truffatore: si è presentato presso una banca di Fiano Romano e si è dichiarato titolare del conto corrente bancario intestato ad un cittadino del posto. Il cassiere, raggirato dall’abile parlantina e dalla capacità di persuasione, gli ha consegnato, in tre distinte operazioni eseguite nei giorni 3, 6 e 7 dicembre scorsi, la somma complessiva di 5.000 euro.
Non soddisfatto, il 29enne, il successivo 12 dicembre, si è nuovamente presentato nell’istituto bancario ed ha compilato la distinta per effettuare un nuovo prelievo dal “suo” conto corrente.
Il caso ha voluto che proprio in quel momento, il reale intestatario era a colloquio con il direttore.
A quel punto, invitato ad esibire un documento d’identità, il truffatore si è velocemente allontanato dalla banca.
Grazie alle immagini riprese dalle telecamere a circuito chiuso installate nella filiale, i Carabinieri sono riusciti ad identificare l’impostore che è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rieti.

I Carabinieri della Stazione di Fiano Romano hanno denunciato a piede libero un cittadino italiano, 29enne, nullafacente, per truffa e sostituzione di persona. Singolare lo stratagemma messo in atto dal truffatore: si è presentato presso una banca di Fiano Romano e si è dichiarato titolare del conto corrente bancario intestato ad un cittadino del posto. Il cassiere, raggirato dall’abile parlantina e dalla capacità di persuasione, gli ha consegnato, in tre distinte operazioni eseguite nei giorni 3, 6 e 7 dicembre scorsi, la somma complessiva di 5.000 euro.

Non soddisfatto, il 29enne, il successivo 12 dicembre, si è nuovamente presentato nell’istituto bancario ed ha compilato la distinta per effettuare un nuovo prelievo dal “suo” conto corrente. Il caso ha voluto che proprio in quel momento, il reale intestatario era a colloquio con il direttore. A quel punto, invitato ad esibire un documento d’identità, il truffatore si è velocemente allontanato dalla banca.

Grazie alle immagini riprese dalle telecamere a circuito chiuso installate nella filiale, i Carabinieri sono riusciti ad identificare l’impostore che è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rieti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *