• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / GUIDONIA: Scandalo ATAC: Il Faro chiede le dimissioni del consigliere comunale Marco Bertucci

GUIDONIA: Scandalo ATAC: Il Faro chiede le dimissioni del consigliere comunale Marco Bertucci

Negli ultimi giorni abbiamo assistito sbigottiti ad un’innumerevole serie di servizi giornalistici televisivi ed altrettanti articoli di varie testate riguardanti lo “scandalo” delle assunzioni all’ATAC, con particolare riferimento alla figura ed al ruolo che avrebbero avuto nella vicenda l’ex AD Adalberto Bertucci ed il figlio Marco, quest’ultimo consigliere Comunale di maggioranza, capogruppo del PDL nonché consigliere provinciale.
In proposito IL FARO ne chiede le immediate dimissioni, non ammettendo che vi possano essere in Consiglio rappresentanti rispetto ai quali si insinui anche solamente il dubbio di essere stati responsabili di quanto abbiamo appreso dai mass media.
L’azione  giudiziaria farà il suo corso , ma intanto il Consigliere Bertucci  per  senso di responsabilità, ma soprattutto per rispetto della cittadinanza, dovrebbe avere la correttezza ed il buon senso di dimettersi.

Negli ultimi giorni abbiamo assistito sbigottiti ad un’innumerevole serie di servizi giornalistici televisivi ed altrettanti articoli di varie testate riguardanti lo “scandalo” delle assunzioni all’ATAC, con particolare riferimento alla figura ed al ruolo che avrebbero avuto nella vicenda l’ex AD Adalberto Bertucci ed il figlio Marco, quest’ultimo consigliere Comunale di maggioranza, capogruppo del PDL nonché consigliere provinciale.

In proposito IL FARO ne chiede le immediate dimissioni, non ammettendo che vi possano essere in Consiglio rappresentanti rispetto ai quali si insinui anche solamente il dubbio di essere stati responsabili di quanto abbiamo appreso dai mass media.

L’azione  giudiziaria farà il suo corso , ma intanto il Consigliere Bertucci  per  senso di responsabilità, ma soprattutto per rispetto della cittadinanza, dovrebbe avere la correttezza ed il buon senso di dimettersi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *