• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / TIVOLI: Condizioni pietose per la Tomba della Vestale Cossinia: manifestazione di Legambiente

TIVOLI: Condizioni pietose per la Tomba della Vestale Cossinia: manifestazione di Legambiente

 

Come due anni fa, nell’ambito della campagna nazionale Salvalarte dedicata alla tutela
delle opere d’arte e dei monumenti, il Circolo Legambiente di Tivoli torna ad occuparsi
della Tomba della Vestale Cossinia che versa ancora in condizioni insultanti per un
sito archeologico di così grande importanza. Rifiuti, sterpaglie, rami divelti, indumenti abbandonati, escrementi animali ed umani, siringhe, accolgono quei turisti che scesi dal treno muniti di guida turistica o degli itinerari scaricati gratuitamente dal meritorio sito Tibur Superbum credono di trovare un monumento accessibile, protetto e ben conservato.
L’impressione del turista deve essere di un tale disgusto che le fontane di Villa d’Este non riescono a cancellare l’immagine iniziale di una città sciatta e noncurante dei suoi patrimoni.
Domenica 21 novembre, dalle ore 8.30, i volontari di quattro associazioni tiburtine:
Associazione Subacquei volontari tiburtini, Federazione Volontari del Radio Soccorso,
Volontari Tibur Associati e Circolo Legambiente di Tivoli, muniti di attrezzi propri
effettueranno nuovamente la pulizia del vialetto di accesso e dell’area circostante
l’antico sepolcro. Collaborazione è stata assicurata dall’ASA che assicurerà un sopralluogo preventivo per asportare le siringhe abbandonate nella zona, metterà a disposizione alcune ramazze e assicurerà il recupero dei sacchi di rifiuti riempiti che i volontari depositeranno in un punto prestabilito.
Lo scopo principale dell’operazione è quello di portare nuovamente a conoscenza della
cittadinanza e degli ambienti culturali nazionali lo stato del sepolcro. Le amministrazioni comunali succedutesi, le Soprintendenze competenti, nonostante
siano trascorsi due anni dalla precedente denuncia pubblica, non hanno trovato il modo
di rendere un aspetto degno al monumento che mostra ancora le offensive scritte di
vernice rossa, ed alla sua area di rispetto.
Le associazioni che parteciperanno alla manifestazione, invitano i cittadini a
collaborare e ad essere presenti, muniti di guanti, scarpe pesanti ed attrezzi, sul luogo dell’appuntamento a viale Mazzini.
L’invito è esteso anche agli amministratori della città che recentemente hanno
comunicato un interesse destinato alla riqualificazione del sito.
Nel caso di condizioni atmosferiche avverse l’iniziativa sarà rimandata alla domenica
successiva 28 novembre con identico orario
Gianni Innocenti
Presidente
Tivoli, 17 novembre 2010

Come due anni fa, nell’ambito della campagna nazionale Salvalarte dedicata alla tutela delle opere d’arte e dei monumenti, il Circolo Legambiente di Tivoli torna ad occuparsi della Tomba della Vestale Cossinia che versa ancora in condizioni insultanti per un sito archeologico di così grande importanza. Rifiuti, sterpaglie, rami divelti, indumenti abbandonati, escrementi animali ed umani, siringhe, accolgono quei turisti che scesi dal treno muniti di guida turistica o degli itinerari scaricati gratuitamente dal meritorio sito Tibur Superbum credono di trovare un monumento accessibile, protetto e ben conservato.

L’impressione del turista deve essere di un tale disgusto che le fontane di Villa d’Este non riescono a cancellare l’immagine iniziale di una città sciatta e noncurante dei suoi patrimoni. Domenica 21 novembre, dalle ore 8.30, i volontari di quattro associazioni tiburtine: Associazione Subacquei volontari tiburtini, Federazione Volontari del Radio Soccorso, Volontari Tibur Associati e Circolo Legambiente di Tivoli, muniti di attrezzi propri effettueranno nuovamente la pulizia del vialetto di accesso e dell’area circostante l’antico sepolcro. Collaborazione è stata assicurata dall’ASA che assicurerà un sopralluogo preventivo per asportare le siringhe abbandonate nella zona, metterà a disposizione alcune ramazze e assicurerà il recupero dei sacchi di rifiuti riempiti che i volontari depositeranno in un punto prestabilito.

Lo scopo principale dell’operazione è quello di portare nuovamente a conoscenza della cittadinanza e degli ambienti culturali nazionali lo stato del sepolcro. Le amministrazioni comunali succedutesi, le Soprintendenze competenti, nonostante siano trascorsi due anni dalla precedente denuncia pubblica, non hanno trovato il modo di rendere un aspetto degno al monumento che mostra ancora le offensive scritte di vernice rossa, ed alla sua area di rispetto. Le associazioni che parteciperanno alla manifestazione, invitano i cittadini a collaborare e ad essere presenti, muniti di guanti, scarpe pesanti ed attrezzi, sul luogo dell’appuntamento a viale Mazzini. L’invito è esteso anche agli amministratori della città che recentemente hanno comunicato un interesse destinato alla riqualificazione del sito.

Nel caso di condizioni atmosferiche avverse l’iniziativa sarà rimandata alla domenica successiva 28 novembre con identico orario

Gianni Innocenti

Presidente

Tivoli, 17 novembre 2010

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *