• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / Territorio / FONTE NUOVA: Medaglia al Merito civile, un esempio da seguire

FONTE NUOVA: Medaglia al Merito civile, un esempio da seguire

Un esempio da seguire, un gesto da prendere come modello per tutti, ma soprattutto per i giovani: si è svolta sabato 30 ottobre, presso la sala Giovanni Paolo II della parrocchia “Gesù Maestro” di Fonte Nuova, la cerimonia di consegna delle onorificenze al merito civile da parte del ministero degli Interni al maresciallo capo artificiere Andrea Fagiani, agli agenti di polizia locale Sandro Pandolfi e Augusto Fratangeli e al dottor Igeo Tonino De Dominicis, a seguito  dell’eroico intervento compiuto nel corso di un incidente stradale occorso il 31 maggio 2007 a Fonte Nuova ai danni di un’anziana signora, che, proprio grazie all’intervento dei quattro, liberi da loro servizio, riuscì a salvarsi.
Presenti numerose autorità, tra cui Don Paolo, il Sindaco Graziano Di Buò e il Sottocapo di Stato Maggiore dell’Esercito Generale Domenico Rossi. “Il significato di questa cerimonia è di assoluta valenza – ha detto il Generale – e io mi rifaccio a quel bambino che sta piangendo – dice riferendosi al pianto di un bambino in sala – quello è il nostro target, quello è quello che stiamo  dando in questo momento, stiamo dando un segnale di positività assoluto, un segnale di speranza, per la costruzione di una società migliore, democratica e giusta”.

Un esempio da seguire, un gesto da prendere come modello per tutti, ma soprattutto per i giovani: si è svolta sabato 30 ottobre, presso la sala Giovanni Paolo II della parrocchia “Gesù Maestro” di Fonte Nuova, la cerimonia di consegna delle onorificenze al merito civile da parte del ministero degli Interni al maresciallo capo artificiere Andrea Fagiani, agli agenti di polizia locale Sandro Pandolfi e Augusto Fratangeli e al dottor Igeo Tonino De Dominicis, a seguito  dell’eroico intervento compiuto nel corso di un incidente stradale occorso il 31 maggio 2007 a Fonte Nuova ai danni di un’anziana signora, che, proprio grazie all’intervento dei quattro, liberi da loro servizio, riuscì a salvarsi.

Presenti numerose autorità, tra cui Don Paolo, il Sindaco Graziano Di Buò e il Sottocapo di Stato Maggiore dell’Esercito Generale Domenico Rossi. “Il significato di questa cerimonia è di assoluta valenza – ha detto il Generale – e io mi rifaccio a quel bambino che sta piangendo – dice riferendosi al pianto di un bambino in sala – quello è il nostro target, quello è quello che stiamo  dando in questo momento, stiamo dando un segnale di positività assoluto, un segnale di speranza, per la costruzione di una società migliore, democratica e giusta”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *