• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / Minicar e sicurezza, tavolo di confronto in Campidoglio

Minicar e sicurezza, tavolo di confronto in Campidoglio

È stato convocato per venerdì prossimo in Campidoglio un tavolo di confronto per elaborare nei tempi più rapidi possibili tutte le iniziative idonee a garantire la massima legalità e sicurezza per le minicar e i loro conducenti. Al confronto, voluto dal sindaco di Roma Gianni Alemanno, parteciperanno, oltre al Comune, la Polizia Municipale, il Provveditorato agli Studi e l’ACI Valle Lunga, con lo scopo di predisporre sia un piano di controlli sia un rilancio dei “programmi di educazione stradale”.

L’assessore alle Politiche della Mobilità del Comune di Roma, Sergio Marchi, ha infatti affermato che sarà sì intensificata la sorveglianza sulle strade ma anche che saranno organizzati corsi di guida sicura e stage formativi, con un particolare riguardo per gli adolescenti tra i 14 e i 18 anni, utenti spesso inesperti ai quali comunque è oggi consentito la guida di questi veicoli.

L’esigenza di prendere delle misure immediate è scaturita dopo i due gravi incidenti verificatisi negli ultimi giorni. In particolare il Sindaco, nell’esprimere la sua preoccupazione per eventi che hanno coinvolto ragazzi minorenni, ha così dichiarato: “Ho dato mandato all’assessore Marchi e al Gruppo Intervento Traffico della Polizia Municipale di elaborare un piano di controlli e di interventi per evitare che questi veicoli, inventati per sottrarre i ragazzi ai pericoli dei motorini, si trasformino a loro volta in strumenti di rischio. Dobbiamo evitare il diffondersi di minicar truccate che si muovono a velocità incompatibili con la loro carenatura e i loro freni, e garantire l’assoluto rispetto delle regole evitando che oltre il guidatore ci siano passeggeri a bordo. Infine, dobbiamo rilanciare i programmi di educazione stradale nelle scuole con la consapevolezza che la velocità non può essere una forma di divertimento sulle strade della città”.

Al riguardo, come ha spiegato infatti il comandante del Git dei vigili, Carlo Buttarelli, “Gli incidenti in sé non sono riconducibili al tipo di veicolo, ma, il più delle volte, all’uso che se ne fa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *