• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / Territorio / MONTEROTONDO: A Palazzo Orsini la sede della ‘Casa della Pace”

MONTEROTONDO: A Palazzo Orsini la sede della ‘Casa della Pace”

Sarà  Palazzo Orsini ad ospitare la sede della “Casa della pace”, centro d’aggregazione giovanile  intitolato alla memoria di Angelo Frammartino, il giovane volontario eretino barbaramente assassinato nel 2006 a Gerusalemme dove si trovava per una missione di cooperazione internazionale organizzata dalla Cgil nazionale. La realizzazione del centro, finanziato dalla regione Lazio per un importo di 500mila euro, era stato inizialmente prevista presso la struttura Cotral di piazza Mentana. Ostacoli prevalentemente burocratici nella definizione dell’accordo complessivo tra Comune e società regionale dei trasporti, che prevedeva la cessione dell’immobile a fronte della realizzazione del nuovo deposito attrezzato in zona industriale, hanno suggerito il cambio di collocazione.  

La “Casa della pace” troverà quindi la sua ubicazione nei locali di Palazzo Orsini posti al piano strada, angolo tra piazza Marconi e via Oberdan. Il progetto, redatto dai tecnici comunali, prevede anche la valorizzazione degli elementi decorativi originali dei locali, con il recupero di eventuali tinte, coloriture e pavimenti autentici. Negli ambienti potranno inoltre essere effettuati saggi al fine di verificare la presenza ed il recupero di eventuali affreschi al momento non visibili.

“La Casa della pace – dichiara il sindaco Alessandri – pensata come centro culturale dinamico e  multimediale, luogo aperto a tutti coloro che intendano promuovere la solidarietà e la cultura della pace e della non violenza, consentirà di migliorare l’operatività delle iniziative della fondazione intitolata ad Angelo Frammartino. Con la sua collocazione a Palazzo Orsini, proseguiamo inoltre l’operazione complessiva di restauro della sede comunale e della sua progressiva valorizzazione in chiave culturale, avviata con la ristrutturazione della torre, dell’ala interna del palazzo, delle Sale affrescate e con la previsione di una nuova sede museale da allocare nell’altro lato del piano terra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *