• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!


Home / Blog / Territorio / FONTE NUOVA: Ordinanza per la macellazione dei suini

FONTE NUOVA: Ordinanza per la macellazione dei suini

Il Sindaco autorizza fino al 15 Marzo 2010, la macellazione dei suini a domicilio, ad esclusivo uso del proprio nucleo familiare. Questi i vari punti dell’ordinanza: chiunque intenda macellare suini nel territorio del Comune per consumo privato, devono sottoporre l’intero animale, dopo l’uccisione e prima di iniziare la lavorazione nel proprio domicilio, alla visita del Veterinario dell’Azienda ASL RM G; che è necessario dare comunicazione scritta, almeno 3 giorni lavorativi prima della data prevista per la macellazione, al Servizio Veterinario dell’Azienda ASL RM G ” Via Monte Grappa, 60 – 00016 Monterotondo Scalo- tel 06/90093554 che provvederà alla visita sanitaria delle carni, degli organi, dei visceri e al prelievo per l’esame trichinoscopico, per poter licenziare al libero consumo le carni suine in questione; che gli stessi soggetti concordino con il Servizio Veterinario dell’Azienda ASL RM G la normale programmazione della visita ispettiva, previo versamento di €uro 15,00 (macellazione un suino), €uro 20,00 (macellazione contemporanea di 2 suini) sul CC n° 82501008 intestato a Azienda U.S.L. Roma G ” Servizio Tesoreria; che è vietata la macellazione dei suini per conto terzi al di fuori dei mattatoi a ciò autorizzati; che è vietata la commercializzazione delle carni dei suini macellati per uso privato; che il personale addetto alla macellazione dovrà essere in possesso del libretto sanitario di cui all’art. 14 della legge 30 aprile 1962, n. 283. Il personale deve essere munito di pistola a proiettile captivo, con la quale vanno obbligatoriamente abbattuti i suini prima della iugulazione; che le attrezzature, gli utensili ed i locali adibiti alla macellazione ed alla lavorazione delle carni, debbono essere preventivamente lavati e disinfettati e mantenuti in perfette condizioni igienico-sanitarie; che è vietato lavorare le carni prima che sia stata accertata dal sanitario la loro commestibilità.

In caso d’inadempienza, i trasgressori saranno puniti secondo i termini di legge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *