• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / Territorio / FONTE NUOVA: Il mercato cambierà sede? Nel frattempo è il solito caos

FONTE NUOVA: Il mercato cambierà sede? Nel frattempo è il solito caos

Verrà spostato il mercato settimanale di Via delle Mimose a Tor Lupara? A quanto pare la volontà da parte dell’Amministrazione c’è, ma niente è ancora certo, nè quando, nè tanto meno la nuova sistemazione. “Non ci hanno detto niente – dicono i commercianti – si mormora che il mercato verrà spostato, ma per ora di ufficiale non c’è niente, noi abbiamo proposto delle soluzioni, tornare dove eravamo, in Piazza Aldo Moro, oppure spostarci a Piazza Varisco, o in piazza Pascoli, ma fino ad ora non abbiamo avuto risposte concrete, solo promesse”.

“Il fatto certo è che il nostro lavoro è calato moltissimo – fa eco un altro commerciante – alcune mie clienti non le ho più riviste da quando ci siamo spostati; c’è pochissimo passeggio; poche persone; il parcheggio è un problema. Molti colleghi hanno deciso di non venire più, e si sono spostati verso altri mercati molto più redditizi. Noi resistiamo, ma alcuni sabati, quando magari il tempo promette pioggia, è una desolazione!”.

Situazione non idilliaca neanche per i residenti della strada, che il sabato devono fare i salti mortali anche solo per uscire dalla strada e immettersi nella via. Infatti la strada durante le ore di mercato diventa un “budello” dove può passare una sola macchina per volta. “Ma come è possibile realizzare un progetto del genere? – dice un automobilista avvelenato – con i banchi che occupano una porzione di strada e le macchine che per passare devono stare attente ai pedoni e agli abusivi che stanno dall’altro lato della strada?”. Eh già, perchè come se non bastasse a rendere la strada stretta e pericolosa ci pensano anche i banchi di abusivi posizionati in “posizione strategica”. E i Vigili? “Ne abbiamo intravisto uno quando ci hanno spostato, ma poi più niente – dicono i commercianti – forse il sabato non lavorano. Eppure basterebbe un controllo in più di qualche ora per evitare alcuni problemi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *