• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / Territorio / MONTEROTONDO: Disservizi sulla tratta ferroviaria Monterotondo – Roma Tiburtina… e non solo!

MONTEROTONDO: Disservizi sulla tratta ferroviaria Monterotondo – Roma Tiburtina… e non solo!

Una lettera indirizzata a Trenitalia, alle Associazioni di difesa dei Consumatori, all’Assessorato Opere e Reti di Servizi e Mobilità. Lo scopo è quello di denunciare i tanti disservizi sulla tratta ferroviaria Monterotondo – Roma Tiburtina e viceversa. Disservizi che si susseguono giorno dopo giorno immutabili e che rendono difficile – e in alcuni casi anche impossibile – raggiungere Roma in tempo. A scrivere la lettera Damiano Cupelloni, 19 anni, che quotidianamente dve raggiungere Roma per frequentare l’Università. Ecco il testo della lettera:

Gent.mi Riceventi,

sono Damiano Capelloni 19enne di Monterotondo (RM) ed iscritto al I anno dell’Univ. “La Sapienza” di Roma c/o la facoltà di Giurisprudenza. Premetto che da qualche mese avevo notato numerosi e continui ritardi su altrettante numerose tratte ferroviarie. Ritardi che andavano e tutt’ora vanno dai 5, 10, 15, 20, 25, 30 … fino a a 60 minuti. Inizialmente ho pensato che poteva dipendere dall’inizio del periodo estivo e che tutto si sarebbe risolto in termini di pochi giorni. Purtroppo le mie speranze sono cadute nel vuoto. Ad oggi tutto e credo pure peggio è come prima. Ad oggi credo che TRENITALIA S.p.A. scherzi con i pendolari in questo modo:

IL TRENO REGIONALE N° 10201023 DELLE ORE 15.30 CON PARTENZA DA MONTEROTONDO E DIRETTO A FIUMICINO AEREOPORTO ARRIVERA’ CON 10 MINUTI DI RITARDO. ALLE 15.40 : IL TRENO REGIONALE N° 10201023 DELLE ORE 15.40 CON PARTENZA DA MONTEROTONDO E DIRETTO A FIUMICINO AEREOPORTO ARRIVERA’ CON 5 MINUTI DI RITARDO.

A mio avviso non è accettabile e comprensibile una questione del genere. Ho sprecato complessivamente ore per attendere treni in ritardo. Ho rimandato, ritardato e perso appuntamenti anche importanti a causa di treni in ritardo. Non è accettabile perché ad utilizzare i treni sono soggetti con tutte le fasce d’età: si parte dai 17/18 (se non di meno) ai 70/82 (se non di più). Persone che vanno a scuola e/o lavorare. IN RITARDO!!. Un soggetto paga il biglietto o l’abbonamento e dovrebbe avere un ottimo servizio partendo proprio dalla puntualità dei treni.

Ho fatto liste e liste di ritardi da me subiti e che facendo la somma di questi, usciva come risultato, 150 minuti di ritardo.

A ciò va aggiunto che il 27/08/2009 mi dovevo recare a Tiburtina ma il treno era appena passato e quindi ho preferito aspettare il prossimo nella sala d’attesa della biglietteria ferroviaria di Monterotondo. Volevo fare il biglietto alle macchinette “Self-Service” ma ho letto che non davano il resto. Per questo e per altri motivi che ora spiego, ho aspettato le 09,55/9,57 e ho chiesto al Dipendente della Biglietteria Trenitalia di Monterotondo presente il 27/08/2009 alle 9,55/9,57 di poter fare cortesemente il biglietto. La sua risposta è stata perché non ci abbia pensato prima. Comunque giustamente mi è stato fatto il biglietto dallo stesso dipendente.

Ho aspettato anche tale ora perché pensavo che alle 9,55/9,57 il dipendente in questione avrebbe terminato la telefonata che stava facendo con un suo collega (presumo) per prenotare un biglietto per ¾ giorni per Venezia. Stava ridendo e scherzando e sono convinto che ciò non sia permesso dal C.C.N.L. del Personale della Biglietteria Trenitalia. Se un ottimo ed onesto cittadino vuole fare il biglietto viene anche “contestato”. NON MI SEMBRA GIUSTO E CORRETTO CHE DURANTE IL NORMALE ORARIO DI LAVORO AVVENGONO TALI INGIUSTIZIE.

Le obligatrici(macchinette per timbrare i biglietti) sono spesso non funzionanti. Ciò lo testimonia la presenza della scritta “FUORI SERVIZIO” che è molto presente sulle macchinette timbratrici della staz.ne FS di Monterotondo – Mentana e non solo.

Altro problema di estrema gravità lo si conosce dagli altoparlanti posti in tutte le Staz.ni Fs “NON ATTRAVERSARE I BINARI, SERVIRSI DEL SOTTOPASSAGGIO” e a conferma ciò, sui binari c’è scritto “VIETATO ATTRAVERSARE I BINARI”. Il personale Trenitalia dovrebbe dare l’esempio di non attraversare i binari e quindi servirsi del sottopassaggio. Invece giorno per giorno il Personale Trenitalia si “infischia”, se ne frega delle comunicazioni e attraversa i binari e di conseguenza alcune persone “Normali” fanno lo stesso.

Il problema sopra citato lo vedo frequente alla staz.ne Tiburtina e sempre qui c’è un altro gravissimo ed urgente problema. La Staz.ne Tiburtina è uno dei simboli di Roma, è una Staz.ne tra le più importanti nell’ambito storico-culturale . Se dico FUMO, SPORCIZIA, RIFIUTI, ODORE MALEODORANTE CAUSATO DALLA SCARSA IGIENE, PANNI STESI AD ASCIUGARE, DORMIRE STRAIATI SULLE PANCHINE, TOSSIRE A BOCCA APERTA ED UBRIACARSI mi viene in mente la Sala d’Attesa della Staz.ne Tiburtina di Roma. Infatti sia nella parte interna che esterna ci sono persone che fumano, che si ubriacano, che tossiscono, che lasciano ciò che mangiano sulle panchine e non solo ect.. ALLA FACCIA DELL’INFLUENZA A.    

Come potete capire dalla mia relazione da pendolare, sono stufo di vedere tali comportamenti generali negativi. Comportamenti alcuni che possono essere evitati dal giorno seguente dalla consegna della presente. Nulla toglie il fatto che tutto deve cambiare totalmente e positivamente.

Non per minacciare ma se non noto cambiamenti in termini di 20 gg a partire dalla data di consegna della presente, sono disposto a rivolgermi alle Autorità competenti, quali Polizia di Stato, Arma dei carabinieri ect… per esporre i fatti ed avviare qualcosa di concreto verso Trenitalia S.p.A.

Sono un cittadino che vuole far rispettare i propri diritti e di conseguenza anche quelli degli altri. Non a caso ho scelto Giurisprudenza perchè fra 7/8 anni posso difendere i soggetti!.

Ho notato che alla Staz.ne Tiurtina c’è un Ufficio Responsabile Ambientale e Sicurezza. L’Ufficio c’è ma mancano i risultati. Io da semplice 19enne ho notato problemi che soggetti di competenza: vedono e fanno finta di nulla; non importa dell’ambiente e della sicurezza dei pendolari.

Mi è capitato di scendere dal Treno per recarmi alla Metropolitana e sentire un assordante, fastidioso e rimbombante rumore recato dal trapano a causa dei lavori. Chiedo di essere ascoltato e che mi venga riconosciuto un beneficio per i danni finora subiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *