• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!


Home / Blog / “Scatole rosa”, si passa alla fase operativa

“Scatole rosa”, si passa alla fase operativa

“Scatole rosa”, si passa alla fase operativa: il Comune di Roma (Dipartimento Mobilità) lancia il bando per scegliere le mille romane sulla cui vettura verrà installato il nuovo dispositivo di sicurezza. Per fare domanda c’è un mese di tempo: dal 5 ottobre, fino al 5 novembre 2009. La “Scatola rosa” è un apparecchio satellitare che garantisce tranquillità alle donne al volante. L’iniziativa nasce da una convenzione stipulata tra Ministero delle Pari Opportunità, Comune di Roma e Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale. La “scatola”, collegata ad una centrale operativa che individua subito il luogo da cui parte la segnalazione, lancia automaticamente un sos in caso di incidente.

Premendo un pulsante, invece, la guidatrice in difficoltà può segnalare alla centrale un guasto meccanico o un’aggressione. Anche in questo caso la centrale localizza il veicolo e passa immediatamente le indicazioni a forze dell’ordine, pronto intervento meccanico e soccorso sanitario. L’installazione è gratis – a spese della Fondazione ANIA – e così l’assistenza: la “scatola” viene assegnata per tre anni in comodato d’uso gratuito.

Requisiti per avere l’apparecchio: maggiore età, residenza a Roma da prima del 1° gennaio 2008, possesso di un’auto (escluse le vetture aziendali), patente e assicurazione in regola. Si deve inoltre documentare che il proprio lavoro si svolge di notte, in orari compresi tra le 20 e le 7 del mattino, come lavoratrici sia dipendenti che autonome.  Quaranta “scatole” su mille sono riservate alle dipendenti delle aziende romane dei pubblici servizi (Atac, Trambus, MetRo, Ama).

Bando e modulo per fare domanda possono essere richiesti in tutti i Municipi e presso due Dipartimenti comunali (Mobilità, Politiche Sociali e della Salute).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *