• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / Territorio / MONTEROTONDO: ‘Sottopassi a rischi allagamenti”: le precisazioni dell’Amministrazione

MONTEROTONDO: ‘Sottopassi a rischi allagamenti”: le precisazioni dell’Amministrazione

Sottopassi a rischio allagamenti?  La notizia rimbalza tra i cittadini amplificata da alcuni organi di stampa. A questo proposito l’Amministrazione comunale comunica che a seguito di eccezionali precipitazioni meteoriche,, le località situate a confine tra i territori del Comune di Monterotondo e del Comune di Roma, in particolare le zone di S. Ilario e Monte Grappa (Monterotondo) e di via Salaria e Vallericca (Roma), sono investite da straripamenti del fosso della Casetta – fosso della Panzanella. Tali straripamenti si manifestano solitamente nel territorio del Comune di Roma, con conseguenze che si ripercuotono nel territorio di pertinenza dell’Amministrazione della città eretina. Ne è un esempio il tragico avvenimento del dicembre del 2008, quando a causa dell’allagamento del sottopasso in via Monti S. Ilario, causato proprio dalla straripamento del fosso, perdeva la vita la signora Bruna Carrara.

Al fine di scongiurare il ripetersi di criticità in concomitanza con l’intensificarsi delle piogge nel periodo autunnale-invernale, questa Amministrazione ha provveduto, in data 10 Settembre a chiedere che il fosso in questione sia opportunamente pulito e reso idoneo a ricevere e smaltire acque piovane.

Tale richiesta è stata inviata, ad ognuno per le specifiche competenze, al Comune di Roma, al Servizio tutela acque suolo e risorse idriche della Provincia di Roma, alla direzione regionale ambiente e protezione territorio della Regione Lazio e al Consorzio di Bonifica Tevere e Agro Romano, considerata l’impossibilità, per il Comune di Monterotondo, di intervenire al di fuori del territorio di pertinenza e delle proprie competenze. Analoghi impedimenti impediscono qualunque intervento ad opera del Comune di Monterotondo per quanto attiene eventuali “verifiche” circa i canoni di sicurezza del sottopasso ferroviario di Vallericca. Il cavalcavia ferroviario a cui si fa riferimento, infatti, è posto su strada provinciale e nel territorio del Comune di Roma.

Riguardo l’eventualità di presentare istanza di dissequestro del sottopasso in via Monti S. Ilario è evidente che, allo stato attuale, tale ipotesi non può che essere giudicata dall’Amministrazione comunale del tutto inopportuna. Ciò per le ragioni sopra esposte e almeno fino a quando non verranno rimosse le cause dei possibili allagamenti e, quindi, scongiurato il ripetersi di eventi incontrollabili a salvaguardia dell’incolumità dei cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *