• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Rubriche / Le misure per l’occupazione nel nuovo Decreto Anticrisi

Le misure per l’occupazione nel nuovo Decreto Anticrisi

Il Decreto Legge approvato dal Consiglio dei Ministri del 26 giugno 2009 ha previsto alcuni interventi specifici riguardanti gli ammortizzatori sociali e le misure per favorire l’occupazione.
Il Provvedimento varato dal Governo prevede che: in via sperimentale per gli anni 2009 e 2010, i lavoratori già destinatari di trattamenti di sostegno al reddito in costanza di rapporto di lavoro, possono essere utilizzati dall’impresa in progetti di formazione o riqualificazione che possono includere attività produttiva connessa all’apprendimento. L’inserimento del lavoratore nelle attività del progetto può avvenire sulla base di uno specifico accordo stipulato in sede di Ministero del Lavoro. Al lavoratore spetta a titolo retributivo la differenza tra trattamento di sostegno al reddito e retribuzione; venga aumentata l’indennità dei contratti di solidarietà per le imprese rientranti nell’ambito della CIGS, che passa dal 60 all’80% della retribuzione (in via sperimentale per gli anni 2009 e 2010); sia prorogato il trattamento di CIGS per crisi aziendali oltre i 24 mesi; i lavoratori destinatari di sostegni al reddito che intendono avviare un’attività autonoma possono chiedere in un’unica soluzione l’importo non fruito dei sussidi; le pubbliche amministrazioni possono, a decorrere dal compimento dell’anzianità massima contributiva di 40 anni del personale dipendente, risolvere unilateralmente il rapporto di lavoro ed il contratto individuale, anche del personale dirigenziale, con un preavviso di 6 mesi.

Alitalia

Salgono dal 30% al 70,97% i rimborsi agli obbligazionisti di Alitalia, e verranno parzialmente rimborsati anche gli azionisti. Le novità cono contenute nell’articolo 19 della bozza del decreto approvato del Consiglio dei Ministri il 26 giugno. Per gli azionisti Alitalia viene attribuito il diritto di cedere al ministero dell’economia i propri titoli per un controvalore determinato sulla base del prezzo medio di borsa delle azioni nell’ultimo mese di negoziazione ridotte del 50%, pari a 0,2722 euro per singola azione. Il cambio è con titoli di Stato di nuova emissione, senza cedola, con scadenza 21 dicembre 2012. Il rimborso non potrà risultare superiore a 100.000 euro per ciascun obbligazionista e a 50.000 euro per gli azionisti. Le domande di rimborso dovranno essere presentate entro il 31 agosto prossimo.

Detassazione utili

Riedizione della legge Tremonti per la detassazione degli utili reinvestiti, che diviene più selettiva perché gli sgravi si limitano agli impianti produttivi al bonus per favorire l’occupazione per le aziende che decideranno di non ricorrere alla cassa integrazione o che assumeranno lavoratori già sospesi otterranno incentivi.

Energia meno cara

Approvvigionamento di energia meno cara, con lo sblocco degli investimenti nelle reti elettriche e misure per calmierare il prezzo del gas a vantaggio delle imprese, mettendo sul mercato 5 miliardi di metri cubi di gas a prezzi allineati a quelli medi europei.

Pagamenti pubblici più celeri

Accelerazione dei pagamenti della pubblica amministrazione, con la fissazione di tempi certi sia per l’arretrato che per i pagamenti futuri, semplificando inoltre le procedure e i meccanismi per la compensazione di crediti e debiti.

Invalidità civile

Misure per contrastare le frodi in materia di invalidità civile per ridurre gli sprechi e aiutare i veri invalidi.

Sfratti

Gli sfratti sono prorogati fino al 31 dicembre 2009.

Opere

Possibilità di effettuare grandi opere infrastrutturali con poteri e mezzi straordinari come quelli derogatori delle ordinanze previste in occasione di calamità naturali.

Proroga strade sicure
Continua l’operazione cosiddetta “strade sicure” per altri 2 semestri, portando il numero di militari coinvolti a 4250, dagli attuali 3 mila. Il provvedimento deve ora andare all’esame delle Camere per la conversione in legge. Il testo è soggetto a modifiche fino al momento della pubblicazione in gazzetta ufficiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *