• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!


Home / Blog / Territorio / TIVOLI: Servizi psichiatrici, possibile chiusura?

TIVOLI: Servizi psichiatrici, possibile chiusura?

Il Sindaco di Tivoli Giuseppe Baisi ha espresso una profonda preoccupazione per l’aggravamento della situazione dei servizi psichiatrici pubblici nel territorio della Asl Rm G, denunciato in questi giorni dal segretario regionale di CittadinanzaAttiva ” Tribunale dei Diritti del Malato, il quale ha illustrato un quadro di estrema difficoltà. Tra l’altro la probabile chiusura del reparto di Servizio psichiatrico diagnosi e cura dell’ospedale di Subiaco porterebbe a un effetto a catena che coinvolgerebbe con conseguenze ancora più negative tutto il territorio della Asl, da Tivoli a Monterotondo.
“Esprimiamo prima di tutto solidarietà e vicinanza ai pazienti e ai loro familiari i quali, in una situazione già difficile, sono costretti a lunghe
attese prima di trovare un posto letto e spesso a trasferimenti in strutture molto lontane dai propri luoghi di residenza ” ha dichiarato il Sindaco Baisi -. Secondo quanto riferisce CittadinanzaAttiva, i servizi psichiatrici nel territorio sarebbero già ridotti del 50 per cento rispetto all’organico previsto e di recente sarebbe stata bloccata l’assunzione a tempo determinato di tre medici nella Asl Rm G. Siamo consapevoli delle notevoli difficoltà che sta affrontando la Regione Lazio per il servizio sanitario pubblico non per proprie responsabilità ma per la disastrosa situazione finanziaria eredità dalla precedente amministrazione regionale. Ma ci associamo alle richieste dei pazienti, dei loro familiari e delle associazioni dei cittadini, chiedendo alla Regione e alla Asl Rm G di non
procedere a ulteriori riduzioni di servizi e organico e di fare ogni sforzo
possibile per assicurare un’assistenza dignitosa in un settore molto
delicato come quello dei servizi psichiatrici”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *