• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / Territorio / TIVOLI: Prevenzione e repressione della zanzara tigre

TIVOLI: Prevenzione e repressione della zanzara tigre

L’Amministrazione comunale di Tivoli ha avviato la campagna 2009 per la prevenzione e la repressione della zanzara tigre.

Con un’ordinanza del Sindaco Giuseppe Baisi è stata emanata una serie di norme di comportamento e di obblighi a carico di tutti i cittadini per prevenire la diffusione dell’insetto nelle aree pubbliche e provate della città.
Contestualmente è stata avviata una serie di iniziative di informazione, tra cui una brochure informativa disponibile anche sul sito www.comune.tivoli.rm.it. Già a partire dal mese di maggio, inoltre, è partito il programma di interventi di disinfestazione delle aree pubbliche in tutti i quartieri della città che proseguirà fino alla fise del mese di ottobre.
Per effetto dell’ordinanza sindacale, ogni proprietario o conduttore di aree pubbliche o private fino al 30 ottobre 2009 è tenuto all’adozione di buone norme comportamentali di prevenzione e alla effettuazione di interventi di disinfestazione larvicida ed adulticida, privilegiando l’impiego di prodotti di natura biologica a bassa tossicità per persone e animali, meglio specificati nell’ordinanza.
Per la zona di Tivoli Terme devono essere effettuati solo interventi larvicidi a seguito del protocollo sanitario adottato con ordinanza sindacale n. 632 del 01.08.2008, emessa a salvaguardia di persone residenti affette da una rara e pericolosa patologia denominata MCS (Sensibilità chimica multipla).
In tutti i casi è vietato, sia su suolo pubblico sia su quello privato, produrre o mantenere ristagni d’acqua, pozzi, pozzetti fognari, cisterne, recipienti contenenti acqua o comunque raccolte di acque permanenti senza una difesa che impedisca lo sviluppo di zanzare e senza sottoporli a periodici interventi di disinfestazione.
L’inosservanza delle disposizioni contenute nell’ordinanza comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria compresa tra 25 e 500 euro, ai sensi dell’art. 7 bis del Testo Unico degli Enti Locali, commisurata proporzionalmente alla gravità delle inosservanze riscontrate ed all’ampiezza dell’area infestata.
Alla vigilanza sull’osservanza delle disposizioni emanate ed all’accertamento dell’irrogazione delle sanzioni per inadempienza provvedono, per quanto di competenza, la Polizia locale, l’AUSL RM G – Servizio Igiene e Sanità Pubblica, nonché gli ausiliari di Polizia giudiziaria abilitati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *