• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / Territorio / TIVOLI: I passi della crescita

TIVOLI: I passi della crescita

L’Associazione Socio-culturale La Rosa di Atakama promuove, con il patrocinio del Comune di Tivoli, l’iniziativa I passi della crescita, conoscere e affrontare il disagio giovanile.

Mercoledì 6 maggio alle ore 11 presso la sala della biblioteca comunale si terrà una tavola rotonda sul disagio giovanile per affrontare i vari aspetti di un tema tanto delicato quanto attuale. Relatori del calibro di Angelo Serio, docente di statistica medica presso l’Università La Sapienza di Roma, Giorgio Bracaglia, direttore dell’unità operativa di Pediatria dell’Ospedale di Tivoli, Santo Rullo, psichiatra dell’agenzia per le tossicodipendenze del Comune di Roma e ancora Sergio De Filippis, psichiatra e ricercatore dell’Università La Sapienza di Roma, Margherita Valenti, dirigente scolastico e presidente del Consorzio 33, Massimo Taddia, sociologo dell’Associazione Città Visibile e Giovanni Stellin, attore che da anni si dedica a laboratori teatrali sul disagio giovanile, parleranno di bullismo, fobia scolastica, patologie del disagio, presentando analisi e proponendo possibili vie d’uscita.

La tavola rotonda vuole anche presentare lo spettacolo teatrale Angelo che sarà di scena venerdì 8 maggio alle ore 21 al teatrino comunale. Promosso, nell’ambito della rassegna La Provincia va in scena, dall’Assessorato alla cultura della Provincia di Roma, a cura dell’ATCL (Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio), Angelo è un monologo che prende il titolo dal nome del protagonista, un ragazzino interpretato dall’attrice-autrice Roberta Sferzi, e affronta proprio il tema del disagio giovanile.ià vincitore del premio Tuttoteatro.com alle arti sceniche Dante Cappelletti 2007 e del premio Concorso di drammaturgia Per Voce Sola 2007, è uno spettacolo di grande intensità, capace di coinvolgere lo spettatore tra emozioni diverse che lo porteranno tra le maglie di un’amara tragicità e di un’allegria quasi sfrontata, accompagnate da un grande senso del gioco e dal gusto della mistificazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *