• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / Territorio / MONTEROTONDO: La minoranza abbandona l’aula

MONTEROTONDO: La minoranza abbandona l’aula

In relazione all’episodio verificatosi questa mattina nel corso della seduta del Consiglio comunale – il rifiuto di partecipare alla discussione sulle delibere in oggetto e il contestuale abbandono dell’aula da parte dei consiglieri di Minoranza – la Giunta comunale esprime innanzitutto «biasimo e profonda contrarietà per il disprezzo ancora una volta manifestato nei confronti del lavoro compiuto dagli Assessorati e dalla Maggioranza, finalizzato a definire questioni importanti che interessano i cittadini ma non, evidentemente, i consiglieri dell’opposizione».

Tra gli argomenti all’ordine del giorno, approvati comunque dalla Maggioranza: gli atti d’indirizzo per la realizzazione di edilizia residenziale pubblica finanziata dalla Regione; la variante urbanistica per localizzare, allo Scalo, il Centro diagnostico oncologico della Fondazione “Carlo Ferri”; l’avvio del piano urbanistico finalizzato a chiudere i contenziosi ancora aperti tra Comune e cittadini a suo tempo espropriati per la realizzazione di Piani di zona di edilizia popolare in zona Nomentana; il protocollo d’intesa con il Ministero per la realizzazione, nella tenuta di Tor Mancina, di un Polo d’avanguardia per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura; l’approvazione del piano per la realizzazione di un agriturismo, in località Macchia del Barco, nel pieno e severo rispetto delle norme di tutela ambientale; l’aggiornamento dell’albo delle associazioni culturali, sportive e ricreative; l’approvazione dello schema di convenzione del progetto sociale “Prima le donne e i bambini”.
«La scarsa considerazione per questi argomenti – denuncia il vicesindaco Bracchi, relatore di molte delibere in discussione – dimostra ancora una volta la superficialità, il disinteresse e la malafede dell’opposizione. Di più: sostenere, come hanno fatto i consiglieri della destra, che le delibere portate in Consiglio sarebbero “propaganda elettorale” è un insulto inaccettabile, nei nostri confronti e soprattutto dei cittadini che attendevano il pronunciamento dell’assise».
«Da luglio 2008 ad oggi ” rincara il presidente della Commissione Urbanistica Maria Cristina Severi – si sono svolte ben 22 riunioni della Commissione Urbanistica, durante le quali sono state ampiamente illustrate e discusse le delibere in discussione oggi. Ebbene a queste riunioni i consiglieri di minoranza non hanno partecipato quasi mai e cito, a riguardo, i verbali redatti: il consigliere Marco Di Andrea ha partecipato due sole volte, il 17 dicembre ’08 e il 29 gennaio ’09, il consigliere Donato D’Angelo solo quattro volte, il 31 ottobre ’08, il 29 gennaio, il 19 febbraio e il 26 marzo. Tengo a specificare che, in ogni caso, sono state loro fornite e per tempo tutte le documentazioni rispetto agli argomenti trattati nelle sedute di Commissione. Nonostante tutto questo i consiglieri di minoranza, che brillano solo per la loro assenza, che non hanno voluto minimamente interessarsi ai temi in discussione, che volutamente ignorano temi amministrativi di rilevanza pubblica, oggi si permettono gesti plateali e stucchevoli solo per dare uno straccio di consistenza alla loro campagna elettorale, vista l’impossibilità di argomentarla con informazioni con non hanno né hanno voluto mai avere. La verità è che non hanno mai dedicato tempo alla città che ora pretenderebbero di governare…».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *