• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / Territorio / TIVOLI: Approvata la Variante alle norme di attuazione del Piano regolatore generale

TIVOLI: Approvata la Variante alle norme di attuazione del Piano regolatore generale

La Regione Lazio ha approvato in via definitiva la Variante alle norme tecniche di attuazione del Piano regolatore generale del Comune di Tivoli. Lo strumento urbanistico così modificato introduce come principale elemento di novità la possibilità di realizzare un maggior numero di unità abitative nel territorio comunale, senza aumento di cubatura rispetto agli indici previsti dal Prg.
“E’ una novità importante, attesa da molti cittadini – ha commentato il Sindaco Giuseppe Baisi ” che tiene conto delle mutate condizioni della domanda immobiliare e rientra pienamente nella linea dell’Amministrazione comunale che ha tra i suoi obiettivi misure e iniziative per fare in modo che le famiglie, in particolari le giovani coppie, possano trovare nel territorio opportunità più favorevoli a costi più contenuti per soddisfare le proprie esigenze abitative”.
La Variante approvata riguarda in particolare le sottozone C5 (villini residenziali), C6 (semirurale) e C7 (abitazioni unifamiliari e bifamiliari). In sintesi le novità introdotte permettono di realizzare una bifamiliare nei lotti dove si poteva costruire una unifamiliare, una quadrifamiliare al posto di una bifamiliare e un numero maggiore, rispetto ai precedenti parametri, di villini a schiera.
“Le vecchie norme attuative erano basate su parametri abitativi ormai completamente superati ” ha spiegato l’assessore alla pianificazione del territorio Gianni Marconi -. Ad esempio, laddove si poteva costruire solo una villa da 300 metri quadrati, oggi se ne possono fare due da 150. Le nuove norme riguardano anche la possibilità di effettuare dei frazionamenti dell’esistente, cioè una bifamiliare già costruita può essere trasformata in una quadrifamiliare e si estendono anche alla possibilità di completamento. Si tratta di un passo importante, in attesa della variante al piano regolatore generale, alla quale stiamo iniziando a lavorare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *