• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / Territorio / TIVOLI: Raccolta differenziata, triplicato il numero delle campane stradali

TIVOLI: Raccolta differenziata, triplicato il numero delle campane stradali

Aumento di tre volte del numero delle campane per la raccolta stradale, nuovi automezzi acquistati, apertura della nuova isola ecologica, avvio del progetto per l’introduzione del porta a porta. In concomitanza con la Settimana europea per la riduzione dei rifiuti, entrano nel vivo i programmi dell’Amministrazione comunale, realizzati attraverso Asa Tivoli spa, la propria società di servizi ambientali, per migliorare il ciclo e la gestione dei rifiuti in città.
I dati appena elaborati dall’Asa presentano, in particolare per la raccolta differenziata, una tendenza positiva in continua crescita e con l’introduzione dei nuovi mezzi acquistati in questi giorni avranno già nelle prossime settimane un significativo aumento. Già al 31 ottobre 2008, infatti, sono state raccolte con la differenziata 1.552 tonnellate di vetro, carta, plastica e cartone ed è stata superata, con due mesi di anticipo, la quantità totale dell’anno precedente. Gli incrementi più significativi riguardano la carta: al 31 ottobre sono state raccolte 424 tonnellate, contro le 366 dell’intero anno precedente. La stima al 31 dicembre di quest’anno prevede un aumento di quasi il 20 per cento rispetto all’anno precedente, nonostante i disagi provocati nel corso dell’estate scorsa, tra luglio e settembre, dalla riorganizzazione del servizio di svuotamento delle campane stradali.
Risultati che con tutta probabilità avranno una crescita maggiore nel 2009 con la messa a regime dei nuovi mezzi appena acquistati dall’Asa grazie al finanziamento di uno specifico progetto presentato dell’Unione europea. Il numero delle campane per la raccolta stradale è stato quasi raddoppiato, con l’acquisto di oltre 400 nuove unità, di cui 92 per l’alluminio e i metalli che prima erano presenti solo in alcuni quartieri della città. In totale, entro gennaio, le campane dislocate nel territorio comunale saranno 638.
Inoltre sono stati acquistati 13 nuovi automezzi, tra cui camion e gru, finalizzati allo svuotamento delle campane stradali, 27 cassoni scarrabili, 8 cassoni con compattatore incomporato e 300 bidoni per carta e vetro per allargare in modo capillare in tutto il territorio la rete dei contenitori e potranno essere dislocati, anche su richiesta e senza costi aggiuntivi, in prossimità di aziende che producono quantità più elevate di rifiuti differenziabili.
I nuovi mezzi permetteranno l’aumento della frequenza degli svuotamenti e i cittadini troveranno i contenitori per la raccolta più vicini alle proprie abitazioni.
Inoltre, con la conclusione definitiva delle azioni legali in cui sono state riaffermate le ragioni del Comune e dell’Asa, sono ripartiti i lavori per la realizzazione della nuova isola ecologica in località la Prece che sarà aperta entro circa sei mesi.
“E’ partita inoltre ” ha dichiarato Vincenzo Mazzocco, Presidente di Asa Tivoli – la procedura per la realizzazione di altre due isole ecologiche, una a Tivoli Terme e una a Villa Adriana. Asa Tivoli ha avviato infine lo studio per la progettazione e l’introduzione della raccolta porta a porta, che ci impegnamo a far partire nel 2009 in via sperimentale in un quartiere e poi in modo graduale sarà allargata a tutta la città. Ci aspettiamo che i cittadini continuino ad adottare le buone pratiche per i rifiuti, in particolare separando in casa i materiali riciclabili”.
“Crediamo fortemente nello sviluppo sostenibile del territorio – ha commentato il Sindaco Giuseppe Baisi ” anche perché le risorse non sono esauribili. Attraverso Asa Tivoli abbiamo messo in campo un programma di azioni concrete, in linea con l’obiettivo generale di trasformare i rifiuti da problema a risorsa e soprattutto per rispettare l’ambiente e, di conseguenza, migliorare la qualità della vita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *