• Chiamando a nome di SitoPreferito otterrai il 10% di sconto sulle provvigioni!
Home / Blog / Territorio / TIVOLI:la citta’ nella lista Unesco

TIVOLI:la citta’ nella lista Unesco

E’ stato firmato oggi dal sindaco Marco Vincenzi e dal direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici del Lazio Luciano Marchetti il protocollo di intesa tra il Comune di Tivoli e il Ministero per i beni e le attivita’ culturali per la redazione del piano di gestione dei siti di Villa Adriana e Villa d’Este e per la predisposizione della proposta di estensione del riconoscimento della tutela dell’Unesco all’intera citta’ di Tivoli e al suo territorio storico.
Il protocollo di intesa siglato oggi rafforza la collaborazione tra il Ministero e il Comune di Tivoli, che ha permesso negli ultimi anni, in particolare attraverso la convenzione firmata nel 2002, di ottenere una serie di importanti finanziamenti, in particolare dalla Provincia di Roma, per il recupero del complesso della Missione (destinato a sede del museo della citta’ di Tivoli), per l’edificio dell’ex mattatoio comunale (destinato a sede dell’archivio storico comunale), per il complesso della Rocca Pia e dell’Anfiteatro di Bleso e del museo Triboletti all’interno di Villa Adriana.
L’accordo firmato oggi prevede l’impegno di Comune e Ministero nella redazione congiunta dei piani di gestione dei due siti Unesco – prescritti dalle disposizioni ministeriali e requisito fondamentale per restare nella Whl (la lista mondiale dei siti Patrimonio dell’Umanita’) dell’Unesco – e nella predisposizione del dossier di candidatura nella Whl della citta’ di Tivoli, considerando in particolare l’esistenza nel centro storico di una serie di complessi archeologici, architettonici e paesaggistici di grande pregio e di elevato valore culturale in parte di proprieta’ del Comune di Tivoli (le piazze, i palazzi storici, l’anfiteatro di Bleso), in parte dello Stato (Villa Gregoriana, il Santuario di Ercole Vincitore, il Tempio della Tosse).
Secondo l’intesa di oggi, il Comune di Tivoli fornira’ tra l’altro il coordinamento, i mezzi tecnici e le consulenze adeguate per sviluppare le fasi successive ai piani in fase di elaborazione per l’ampliamento dell’iscrizione alla Whl.
Lo stesso protocollo sara’ sottoposto all’attenzione, per la sua sottoscrizione, anche della Regione Lazio e della Provincia di Roma, con le quali saranno intraprese azioni comuni per il raggiungimento degli obiettivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *